Il termometro migliore per il neonato, come sceglierlo

da , il

    Il termometro migliore per il neonato, come sceglierlo

    Qual è il termometro migliore per il neonato? Ad oggi esistono diversi tipi di termometri per neonati e la scelta per la mamma può essere complicata. Va comunque premesso che non esistono più i vecchi termometri a mercurio, che sono stati ritirati dal commercio perché considerati tossici per l’ambiente. Nello scegliere il termometro migliore per il neonato la mamma può anzitutto optare per quello classico in vetro che non contiene più mercurio ma una lega di gallio, indio e stagno. Questo tipo di termometro è molto preciso e veloce e consente di misurare sia la temperatura rettale che quella ascellare.

    L’unico neo di questo termometro è che non è infrangibile, quindi può rompersi facilmente. In alternativa, si può scegliere il termometro per neonato auricolare; è un termometro veloce e molto comodo, ma non sempre preciso, ad esempio in caso di otite. Questo termometro è inoltre più costoso. Anche quello cutaneo condivide gli stessi difetti del termometro auricolare. Ancora, si può scegliere il termometro a infrarossi, ma è comunque costoso e più complicato da usare. Oltre al termometro classico di vetro, quindi, il termometro migliore per neonato sembra essere quello digitale elettronico a cristalli liquidi; questo termometro si può usare sia per la misurazione della temperatura ascellare che rettale inoltre è sicuro, preciso, resistente e semplice da usare dal momento che un segnale acustico avverte che la misurazione è stata effettuata.