Infanzia difficile: problemi respiratori da adulti

da , il

    Infanzia difficile: problemi respiratori da adulti

    I ricercatori dell’Università San Raffaele di Milano e del Consiglio Nazionale delle Ricerche hanno fatto una scoperta destinata a far discutere, in sintesi difficoltà, avversità, problemi, vissuti durante l’infanzia possono portare a problemi respiratori da adulti. Sotto esame il distacco precoce dai genitori, i ricercatori hanno infatti verificato che quando ciò accade si innesca una sorta di moltiplicazione del segnale genetico che orchestra le nostre risposte fisiologiche, portando dei notevoli cambiamenti alla respirazione che si presenta marcata e in difficoltà.

    La cattiva respirazione è legata ai famosi attacchi di panico e al disturbo d’ansia da separazione nell’infanzia, il tutto era già stato studiato in passato, ma per la prima volta i ricercatori hanno dimostrato come il meccanismo alla base della difficoltà di respirare sia una interazione tra il patrimonio genetico degli individui e l’esperienza ambientale avversa. Non solo, è stato anche appurato che maggiori sono le avversità maggiore è la risposta respiratoria.

    Fondamentale è inoltre l’età, se infatti le avversità accadono nell’infanzia, l’alterazione respiratoria si instaura e resta stabile almeno nella prima parte dell’età adulta. Secondo Francesca D’Amato, ricercatrice al CNR di RomaQuesto studio mostra per la prima volta in un modello animale che lo sviluppo di un organismo allevato in un ambiente ostile sia associato ad alterazioni della risposta respiratoria. Questo “endofenotipo” riscontrabile anche nell’uomo costituisce un punto di partenza fondamentale per la ricerca preclinica su questa patologia‘.