Ipertrofia delle adenoidi nei bambini: sintomi ed omeopatia

da , il

    Ipertrofia delle adenoidi nei bambini: sintomi ed omeopatia

    I sintomi dell’ipertrofia delle adenoidi nei bambini sono diversi. Anche l’omeopatia, però, può aiutare a risolvere questo problema. Le adenoidi sono delle formazioni a grappolo costituite da tessuto linfoide. Sono situate sulla parete posteriore della rinofaringe (dietro al naso) e hanno il compito di difendere l’organismo dagli agenti patogeni che entrano nelle vie respiratorie. Nei bambini queste formazioni possono essere soggette a infezioni che possono ingrossarle (ipertrofia) o infiammarle. Considerando lo spazio estremamente piccolo in cui si trovano, l’ingrossamento delle adenoidi può comportare una completa ostruzione delle vie respiratorie. Respirare dal naso, dunque, può diventare davvero impossibile per i bambini. Ma, quali sono gli altri sintomi in questi casi?

    Sintomi

    Sintomi delle adenoidi ingrossate (o ipertrofiche) nei bambini sono:

    - voce nasale;

    - respirazione notturna a bocca aperta;

    - apnee notturne;

    - russamento notturno;

    - difficoltà a dormire bene;

    - mancanza di concentrazione di giorno;

    - mal di orecchio frequenti (otite);

    - influenza e raffreddori ricorrenti;

    - alterazione del timbro della voce;

    - inappetenza;

    - difficoltà nell’accrescimento.

    Al manifestarsi di questi sintomi si consiglia di rivolgersi subito al pediatra anche perchè, se non trattate, le adenoidi nei bambini possono portare anche ad una malformazione del palato causata dalla difficoltà a respirare, con conseguente malocclusione dentale. Inoltre, le infezioni ricorrenti mettono a dura prova il sistema immunitario del bambino che, quindi, è generalmente compromesso nella vita sociale e nelle sue attività.

    Cura ed omeopatia

    Che fare, quindi, quando si sospetta un ingrossamento delle adenoidi nei bambini? La prima cosa da fare è rivolgersi al pediatra che raccomanda un trattamento specifico e adeguato al caso. Tra gli altri rimedi naturali si consiglia di:

    - lavare il naso del bambino con le soluzioni saline;

    - far dormire il bambino leggermente sollevato, magari con un cuscino sotto il materasso, per favorire la respirazione notturna;

    - fargli bere molti liquidi che mantengono le secrezioni nasali più fluide;

    - far soffiare spesso il naso al piccolo;

    - usare umidificatori ambientali notturni e aerosol con soluzione fisiologica.

    Per quanto riguarda i rimedi omeopatici, invece, si consigliano, sempre dietro consulto medico:

    - Hydrastis;

    - Calcarea phosphorica;

    - Cistus Canadensis;

    - Tuberculinum;

    - Agraphis nutans.

    Per qualsiasi altro dubbio e, comunque, prima di intraprendere qualsiasi cura si consiglia di rivolgersi al pediatra.

    Foto tratta da Pixabay