La dieta per chi torna sui banchi di scuola

da , il

    La dieta per chi torna sui banchi di scuola

    La campanella della scuola sta per suonare: è tempo di parlare di alimentazione sana. Poche, semplici, regole per una dieta capace di aiutare i bambini ad essere più attenti e concentrati in classe. Ogni alimento, infatti, soddisfa un fabbisogno non solo fisico ma anche mentale e rende così i giovani studenti pronti all’apprendimento. E’ necessario differenziare il più possibile colazione, pranzo e la merenda. Alcuni buoni consigli arrivano dai ricercatori statunitensi dell’Università delle Scienze di Philadelphia: come far amare frutta e verdura ai bambini, ad esempio, oppure come differenziare ogni pasto della giornata per garantire un’alimentazione completa.

    La ricetta vincente per tornare a scuola è, innanzitutto, combinare proteine e carboidrati in modo equilibrato. Le prime danno a lungo un senso di sazietà mentre i carboidrati complessi sono un’utilissima riserva di energia. Come quella fornita dalla pasta e dal pane integrale. I ricercatori sottolineano anche l’importanza delle giuste porzioni: la dieta deve rispettare l’età e l’attività fisica svolta dal bambino. Karin Richards, la dottoressa che giuda il team di ricercatori di Philadelphia, spiega che il rischio di sovrappeso e obesità infantile è spesso legato non ai cibi in sé ma alle dosi sbagliate con cui vengono consumati.

    Per favorire il consumo di verdure, consigliano di portare i bambini al supermercato e coinvolgerli nella scelta dell’acquisto. Sfruttare la loro innata curiosità, può essere anche un modo per convincerli a provare gusti nuovi. Una sperimentazione che fa bene all’educazione alimentare, senza dimenticare i classici come la carne, il latte, i succhi di frutta e il pesce. Infine, ricordate che l’attività fisica è una vera alleata dell’apprendimento: lo sport rende i bambini più bravi a scuola.