NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Latte artificiale: come si prepara e come conservarlo

Latte artificiale: come si prepara e come conservarlo
da in Allattamento, Consigli mamma, Mamma, Neonato
Ultimo aggiornamento:
    Latte artificiale: come si prepara e come conservarlo

    Come si prepara il latte artificiale e come conservarlo? Se per qualsiasi motivo è necessario rinunciare all’allattamento al seno, bisogna alimentare il bimbo con il latte formulato. Le neo mamme si chiedono quale scegliere, come si preparara e come si conserva. In questi casi è sempre meglio chiedere al pediatra, che fornisce tutte le indicazioni in merito. Molto dipende, infatti, anche dall’età del piccolo e dalle sue esigenze nutrizionali. Quali sono, però, le indicazioni generali che si possono fornire alle mamme?

    Nei primi sei mesi di vita, il latte artificiale da dare al bambino è la formula adattata, identificata con il numero 1. La sua composizione risulta essere la più simile a quella del latte umano e, per questo, è indicata per i primi mesi. Dopo i sei mesi di vita si può passare al “latte di proseguimento”, caratterizzato dalla formula 2. Comunque, oltre alla formula adattata, esistono altri tipi di formule, come la HA o “latte idrolizzato”, in cui le proteine sono state sminuzzate per essere digerite e assorbite più facilmente dall’organismo del bambino. Queste formulazioni sono adatte, dunque, ai bimbi che hanno problemi intestinali e carenze particolari. Esistono, poi, altre formule speciali indicate in presenza di problemi specifici, ad esempio in caso di coliche gassose, diarrea e reflusso gastro-esofageo.

    In genere, nel retro delle confezioni, sono indicate le istruzioni per preparare il latte formulato. Tuttavia, è necessario fornire alcune norme igieniche necessarie.

    Anzitutto, si raccomanda di sterilizzare sempre prima il biberon e le tettarelle che si utilizzeranno; il modo più economico per farlo è la bollitura in acqua per 20 minuti circa. Meglio, poi, utilizzare l’acqua oligominerale in bottiglia; l’acqua va portata ad una temperatura di almeno 70 gradi dopodiché vi si aggiunge il latte in polvere.

    In linea di massima, il biberon con latte formulato andrebbe preparato di volta in volta. Diversamente, si potrebbero formare dei batteri, specialmente quando il latte viene conservato a temperatura ambiente. Se, però, è necessario preparare il biberon in anticipo, si consiglia di conservarlo in frigo ad una temperatura non inferiore a 5 ° C. In precedenza, però, il biberon va sempre lavato e sterilizzato accuratamente. Prima di somministralo al bimbo, poi, il biberon deve essere riscaldato nuovamente, ma poi subito consumato. Per qualsiasi altro dubbio, meglio chiedere al pediatra; il fai da te, in questi casi, è sempre sconsigliato.

    486

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AllattamentoConsigli mammaMammaNeonato
    PIÙ POPOLARI