Lavorare di notte fa male in gravidanza: la smentita dalla scienza

da , il

    Lavorare di notte fa male in gravidanza: la smentita dalla scienza

    Sono in molti a sostenere che lavorare di notte fa male, specialmente in gravidanza. Eppure una ricerca innovativa, peraltro condotta in Italia, smentisce almeno in parte questo luogo comune rassicurando le donne incinta turniste. Lo studio in questione è stato condotto dal team di ricerca dell’Università degli Studi dell’Insubria guidato da Matteo Bonzini.

    Le conclusioni sono state elaborate dopo aver esaminato ben 23 ricerche differenti che hanno coinvolto migliaia di donne in tutto il mondo. , Dai risultati è emerso che lavorare di notte espone le donne in gravidanza a rischi davvero limitati. Viene così confutato il luogo comune che voleva il numero di parti prematuri e di neonati sottopeso aumentare sensibilmente per le mamme che lavorano su turni anche notturni. E pensare che non molto tempo fa una ricerca statunitense aveva posto il dubbio sul legame tra il lavoro notturno e il rischio di infertilità femminile partendo dalla considerazione che le infermiere hanno spesso il ciclo irregolare. Non è tanto quindi l’orario di lavoro a mettere a rischio la gravidanza quanto piuttosto cattive abitudini ad esso legate: ad esempio l’alimentazione non equilibrata, lo scarso riposo etc. In ogni caso questo studio non deve incitare a sforzarsi eccessivamente e a lavorare su turni stancanti: se possibile evitate orari notturni ma se non potete farne a meno niente allarmismi.