Libri gratis: un’iniziativa della Codacons contro il caro libri

da , il

    Libri gratis: un’iniziativa della Codacons contro il caro libri

    Siamo di nuovo in settembre e tutti stiamo facendo i conti per il nuovo inizio dell’anno lavorativo. Comincia la scuola e comprare i libri di testo diventa sempre più un investimento non da poco. La Codacons quest’anno propone un’iniziativa online per avere i libri di testo gratis, vediamo dopo il salto.

    Già da tempo i negozi di libri usati sono molto utili per tutte quelle famiglie che non posso permettersi di comprare i libri di testo, ma, diciamoci la verità, comprare ogni anno dei libri nuovi è davvero uno spreco non solo di soldi ma anche di carta e di tempo. Va bene garantire l’istruzione dei nostri bambini ma non è giusto che, in particolare per la scuola dell’obbligo, all’inizio dell’anno scolastico ci troviamo ad affrontare una spesa di questa portata, solo perchè le case editrici non trovano un accordo conveniente con gli istituti pubblici.

    Per queste ragioni molti hanno proposto iniziative per risparmiare e quest’anno anche la Codacons propone una soluzione: un portale online dove è possibile scambiare e regalare libri di testo. Ovviamente l’accesso al sito e gratuito ed è possibile effettuare la ricerca del libro desiderato e caricare i titoli dei testi che si vogliono regalare o scambiare.

    La Codacons spiega: ‘Chiunque possieda un testo scolastico e sia intenzionato a regalarlo o a scambiarlo con un altro libro, puo’ accedere gratuitamente a questo servizio, iscrivendosi e pubblicando inserzioni nell’apposito forum. Basta specificare il libro che si vuole cedere e quello che invece si sta cercando. Grazie al servizio sarà anche possibile trovare siti internet che consentono di scaricare gratuitamente libri di testo’.

    Infatti, già dall’anno scorso è possibile, per gli studenti, scaricare ebook dal web e stamparli per uso scolastico.

    L’iniziativa ‘Libri Gratis’ funzionerà ovviamente sempre meglio grazie all’interazione degli utenti, quindi se vi sembra una cosa utile, utilizzatela e diffondete la notizia.

    Intanto speriamo che enti pubblici e case editrici trovino presto un accordo per risolvere la questone e rendere meno pesante questa spesa per il bilancio familiare.