Linguaggio neonato, predisposizione a parlare fin dalla nascita

da , il

    Linguaggio neonato, predisposizione a parlare fin dalla nascita

    Si è soliti pensare che il linguaggio del neonato sia un linguaggio principalmente fatto di movimenti, invece non è così, secondo un recente studio svolto a Milano infatti, i neonati attiverebbero i circuiti del linguaggio verbale a partire da due giorni dopo la nascita. Si pensa che i neonati abbiano come unico mezzo di comunicazione il pianto, non è così, i bambini appena nati hanno i neuroni del linguaggio verbale già sviluppati che, anche se in maniera molto immatura, li possono portare ad avere una comunicazione diversa da quella del movimento anche dopo due giorni dalla nascita.

    La scoperta è stata fatta dagli studiosi dell’Università Vita-Salute San Raffaele di Milano, che hanno individuato i circuiti neuronali del linguaggio nei neonati già attivi da due giorni dalla nascita. Nello studio è stata presa in considerazione l’attivazione cerebrale dei neonati in risposta all’ascolto di diversi modi di espressione come reazione a stimoli esterni.

    Si è dedotto che l’emisfero sinistro e la rete neuronale si attivano come risposta ad uno stimolo esterno sotto forma di discorso verbale.Questi sistemi per il linguaggio sono tuttavia immaturi – afferma Daniela Perani, coordinatrice della ricerca – sia da un punto di vista anatomico sia funzionale. La connettività funzionale avviene infatti tra i due emisferi cerebrali e questa interazione di scambio potrebbe rappresentare la base per le future specializzazioni emisferiche, fino alla dominanza sinistra per le principali funzioni del linguaggio’.

    Il perfezionamento del linguaggio verbale, che avviene nel tempo ed inizia dunque ad appena due giorni dalla nascita, continua nel tempo e nei bambini una lingua viene appresa grazie all’esposizione ad essa. Chi sa che questi studi non vengano approfonditi, magari tra una cinquantina d’anni i neonati sapranno già parlare :)