Mal di orecchie nei bambini: cause e cosa fare

da , il

    Mal di orecchie nei bambini: cause e cosa fare

    Mal di orecchie nei bambini: quali sono le cause e cosa fare in questi casi? Il mal d’orecchio è molto comune in età pediatrica e colpisce soprattutto i bambini al di sotto dei 3 anni. L’infezione principale responsabile è l’otite, che colpisce circa il 70% dei bambini almeno una volta nei primi tre anni di vita. La frequenza delle otiti nei bambini dipende soprattutto dal fatto che il loro sistema immunitario non è ancora del tutto sviluppato e l’apparato uditivo è ancora particolarmente delicato. Ma, quali sono le cause e cosa fare in questi casi per curare i bambini?

    Cause

    Le cause del mal di orecchie nei bambini sono diverse. La prima è sicuramente l’otite, un’infezione dell’orecchio medio molto comune nei primi tre anni di vita. Molto spesso questa infezione dipende direttamente da raffreddore, mal di gola e tonsillite. In altre parole, l’otite non è altro che una complicanza di queste patologie. Il naso, infatti, è strettamente collegato con le orecchie e quando c’è un fattore scatenante è facile che il raffreddore si complichi e si trasformi in un’otite. Un’altra causa molto comune di mal di orecchie nei bambini è l’otalgia; in questi casi il mal d’orecchi è accompagnato da febbre, difficoltà nella deglutizione e mal di gola. Ancora, è possibile che il mal di orecchi dipenda da un ingrossamento delle tonsille oppure delle adenoidi. Infine, è possibile che il mal di orecchie nei bambini abbia cause meno importanti; ad esempio questo disturbo è comune nei piccoli che frequentano la piscina o nei neonati dopo il bagnetto (il fastidio potrebbe dipendere da un piccolo tappetto di cerume presente nelle orecchie e che si è ingrossato a contatto con l’acqua). Insomma, in questi casi non c’è molto da preoccuparsi. Comunque, però, meglio non utilizzare i bastoncini di cotone per pulire le orecchie perchè il tappo di cerume potrebbe essere spinto più in profondità e provocare, nei casi più gravi, una lesione del timpano. Ad ogni modo, al manifestarsi dei primi sintomi, meglio rivolgersi al pediatra per evitare una compromissione importante dell’udito dei bambini.

    Rimedi

    Cosa fare in questi casi per curare i bambini? I rimedi sono diversi, ma chiaramente dipendono dalla causa scatenante il problema. Per evitare lesioni e conseguenze gravi per l’udito dei bambini, però, si raccomanda di rivolgersi subito al pediatra per una diagnosi ed una terapia tempestiva. Il medico, dopo un’attenta visita del bambino, può decidere di somministrare una terapia a base di antinfiammatori, antidolorifici o di mucolitici. Tra i rimedi naturali, invece, un impacco caldo da applicare sull’orecchio per 10/15 minuti. Il calore allevierà il dolore. In alternativa si può preparare un suffumigio con acqua calda e qualche goccia di olio di eucalipto. Fate inalare il vapore al piccolo e il dolore e l’infiammazione si alleveranno. Questi rimedi naturali, però, non sostituiscono assolutamente la cura del pediatra che deve essere immediatamente consultato in caso di mal di orecchi nei bambini e nei neonati.

    Scopri anche come prevenire l’otite nei bambini.