Mamme lavoratrici: i figli rischiano di essere sovrappeso?

da , il

    Mamme lavoratrici: i figli rischiano di essere sovrappeso?

    L’obesità infantile è un problema comune a livello internazionale: sebbene sia una situazione comune in Italia è soprattutto negli Stati Uniti che la percentuale dei bambini sovrappeso appare allarmante. In proposito sono molti gli studi americani che cercano di individuare le cattivi abitudini che favoriscono nei bambini l’accumulo di grasso. Il primo parametro che viene preso in considerazione è ovviamente l’alimentazione: spesso i bambini mangiano troppo o male.In particolare finiscono sotto accusa dei nutrizionisti dolci e cibi fritti: a San Francisco di recente un movimento ha proposto l’abolizione degli Happy Meal, il menù per bambini del Mc Donald.

    Ma non si tratta solo di cibo: di recente è stato osservato che spesso i bambini obesi non mangiano tanto ma fanno poco sport. L’assenza di movimento contribuisce decisamente all’aumento di peso. Ma ci sono anche molte altre variabili ambientali che spesso vengono sottovalutate: un nuovo studio americano ha messo in evidenza che i figli di donne lavoratrici hanno maggiori possibilità di accumulare grasso in eccesso rispetto ai figli di casalinghe. I test hanno esaminato bambini di circa 11 o 12 anni di età e i risultati fanno concludere che il rischio di obesità in caso di mamma lavoratrice si moltiplicano di ben sei volte. Perché questo accade? L’ipotesi più probabile è che i ragazzini al rientro da scuola essendo soli cedano alla tentazione di snack e merende grasse, magari consumate di fronte alla tv senza controllo degli adulti. Cercate quindi non lasciare in dispensa troppe merendine o alimenti calorici a disposizione e di preparare il giorno prima qualche merenda sana che vostro figlio possa consumare mentre siete in ufficio.