Maschere di carnevale per bambini: a Napoli il costume di Michele Misseri

da , il

    Maschere di carnevale per bambini: a Napoli il costume di Michele Misseri

    A Carnevale ogni scherzo vale, ma non si dovrebbe mai oltrepassare il limite del buongusto: cosa che ha fatto chiaramente un negoziante di Napoli. Nel suo negozio, nel reparto di costumi per bambini, spicca infatti la maschera ispirata a Michele Misseri, lo zio di Sarah Scazzi autoaccusatosi di aver ucciso la nipote minorenne. Questa storia di cronaca aveva già palesato un lato ambiguo degli italiani, che si erano dimostrati un popolo attratto dal dolore e dalla violenza.

    Ma al cinismo non c’è mai limite: in realtà la maschera in sé non ha molto di provocatorio e rappresenta semplicemente un tipico abbigliamento campesino. E’ il titolare del negozio stesso a sottolineare il riferimento all’omicidio di Sarah Scazzi scrivendo nel cartellino vicino al manichino ‘maschera di Zio Michele’. Non mancano dettagli macabri come la corda nelle mani del manichino. Difficilmente un bambino sceglierà di vestirsi da contadino rinunciando ai suoi supereroi ma soprattutto si spera che nessun genitore abbia il cattivo gusto di comprare questa maschera anche se il proprietario del negozio ‘Le Iene Lingerie’ stesso ha comunicato che le mamme non appaiono indignate o restie all’acquisto. Forse anche a Carnevale non bisognerebbe dimenticare la decenza e non solo durante questa festività. Va detto infatti che già erano stati diffusi video che ironizzavano sulla figura di Misseri. Se fosse vero quello che il titolare del negozio sostiene è proprio la non indignazione delle mamme che mi colpisce di più: i genitori hanno forse smesso di essere un punto di riferimento per i bambini? Non ci spaventa davvero più niente?