Musica bambini, fa bene al cervello

da , il

    Musica bambini, fa bene al cervello

    Che la musica fosse un manna dal cielo per i bambini è già appurato da tempo, non a caso la musica viene usata per insegnare, per destare l’attenzione, per fornire ritmo e gioco contemporaneamente, ma oggi uno studio americano dimostra che la musica insegnata ai bambini aiuta ad affrontare l’invecchiamento degli adulti di domani. Pianoforte, chitarra, batteria, flauto, sono solo alcuni degli strumenti amati dai bambini, non posso dimenticare il sassofono suonato da Lisa Simpson, oltre al divertimento, al gioco e all’apprendimento contribuiscono anche a donare benefici a distanza di anni: il cervello si mantiene maggiormente sveglio e attivo anche durante l’invecchiamento.

    Lo studio porta la firma di American Psychological Association pubblicato sulla rivista «Neuropsychology». I ricercatori hanno preso in esame 70 adulti sani, tra i 60 e 83 anni, dividendoli in gruppi a seconda del livello di esperienza musicale. I musicisti hanno eseguito meglio i vari test cognitivi rispetto a quelli che non hanno mai imparato a suonare uno strumento o a leggere la musica. Il motivo? I ricercato sono diretti: la musica mantiene il cervello in forma,

    Ovviamente nessun musicista preso in esame era professionista, ma il dato comune tra tutti è aver iniziato a suonare uno strumento a 10 anni e continuato per altri 10. Più della metà suonava il pianoforte mentre un quarto strumenti a fiato, come flauto o clarinetto, pochi percussioni e ottoni. Quelli che avevano studiato più a lungo hanno ottenuto i migliori risultati ai test cognitivi, seguiti dai musicisti di più basso livello e da chi non ha mai studiato musica, rivelando un trend proporzionale agli anni di pratica musicale.