Obesità infantile, bandito l’Happy Meal a San Francisco

da , il

    Obesità infantile, bandito l’Happy Meal a San Francisco

    Nella contea di Santa Clara, a San Francisco, il consiglio dei supervisori, ha messo al bando i giochi che da anni vengono allegati alle porzioni di cibo dei fast food. In particolare è stato additato il mitico menu per bambini l’Happy meal per cercare di limitare il problema dell’obesità infantile che, in particolare negli Stati Uniti, colpisce moltissimi bambini. Il menu sembrerebbe avere un eccessivo apporto calorico di sodio e di grassi quindi, eliminare i giochi che escono con esso potrebbe limitarne il consumo da parte dei piccoli avventori.

    A dare la notizia del provvedimento è stato il New York Times uscito oggi, dove si legge che se il menu Happy Meal non cambierà i suoi standard nutrizionali le sorpresine non potranno più essere distribuite questo ovviamente con l’obiettivo di sollecitare la McDonald’s a produrre dei menù più sani per i bambini.

    I punti vendita McDonald’s avranno a disposizione novanta giorni di tempo per adeguarsi alla normativa e per trovare una soluzione adeguata. ‘Questa ordinanza impedisce ai ristoranti di sfruttare la passione dei bambini per i giocattoli, per vendere pasti ad alto contenuto di calorie, grassi e sodio – ha dichiarato il capo della commissione e primo firmatario della legge, Ken Yaeger – Quello che stiamo cercando di fare – ha aggiunto Yaeger – è eliminare la connessione che c’è tra cibo poco sano e giocattoli’.

    A Santa Clara un bambino su 4 a è obeso. Secondo il direttore del dipartimento della salute pubblica della contea, Dan Peddycord, l’obesità infantile rappresenta una vera e propria epidemia.

    In Italia il problema non ha raggiunto la stessa entità ma i nutrizionisti, i medici ed i pediatri tengono la situazione sotto controllo perchè anche nel nostro paese i bambini che soffrono di obesità sono in aumento.