Orecchie a sventola: è giusto operare i bambini?

da , il

    Orecchie a sventola: è giusto operare i bambini?

    Le orecchie a sventola possono sembrare un inestetismo di poco conto ma per molte persone il difetto può diventare da fisico psicologico e creare imbarazzo e problemi di socializzazione. Questo rischio si presenta già nei bambini derisi per le orecchie a sventola dai coetanei. Tecnicamente già intorno ai 5 anni le orecchie raggiungono la loro dimensione definitiva e quindi si potrebbe procedere alla correzione chirurgica. Ma è giusto sottoporre dei bambini ad interventi chirurgici per problemi che di fatto non hanno alcun risvolto funzionale?

    Non sarebbe piuttosto opportuno insegnargli a reagire alle discriminazioni e alle offese? Evidentemente non tutti i genitori la pensano così visto che, secondo i dati riportati dall’ American Society of plastic surgeons, degli oltre 20 mila statunitensi si sottopongono annualmente a questo intervento correttivo, in media più della metà sono minorenni. Sono sia uomini che donne, con una leggera prevalenza dei primi che portando solitamente i capelli corti hanno maggiori difficoltà a mimetizzare il difetto. Ma in cosa consiste l’intervento? Si tratta di un’operazione che in media dura meno di un’ora e si svolge in anestesia locale. Se il paziente è particolarmente agitato può essere somministrato un sedativo. Si applica un’incisione dietro l’orecchio per ripiegare all’indietro la cartilagine. L’operazione può essere dolorosa anche se in media il fastidio scompare dopo un paio di giorni al massimo. A parte questi fastidi e accortezze post operatorie da seguire l’intervento di otoplastica non ha conseguenze. E’ chiaro che sia i genitori che i chirurgi devono indagare le conseguenze psicologiche che il difetto ha sul minore e valutare l’opportunità dell’intervento. Voi sottoporreste vostro figlio a questo intervento? Mi rendo conto che la sincerità e la schiettezza dei bambini può essere molto cattiva a volte ma è giusto anticipare questa decisione e non farla eventualmente prendere a lui in età più matura?