Padrino di Battesimo: requisiti e doveri

da , il

    Padrino di Battesimo: requisiti e doveri

    Quali sono i requisiti che deve avere il padrino di battesimo? Ebbene ci sono delle caratteristiche che sono definite dal codice di diritto canonico che specificano ed elencano tutte le caratteristiche che deve avere la persona scelta come padrino per il bambino che si dovrà battezzare e poi ci sono dei requisiti che solitamente fanno scegliere più una persona che un altra, questo ovviamente dipenderà dai genitori e dal rapporto che avranno con questa persona. Di certo il padrino dovrà essere una figura di riferimento per il bambino, ma vediamo in che modo.

    In Italia il padrino e la madrina di battesimo si sceglieranno solo in caso di sacramento religioso, in altri paesi invece è possibile celebrare un rito civile in cui si definiscono le due persone e gli si affida la responsabilità di curare il bambino in caso di necessità. Come vi dicevo qui in Italia e secondo la religione cattolica è il Codice di Diritto Canonico a definire i requisiti del futuro padrino di battesimo e anche i suoi futuri doveri.

    Requisiti del Padrino di Battesimo

    I requisiti specifici che deve avere il padrino di battesimo e anche la madrina sono definiti al can. 874 del Codice di Diritto canonico:

    Per essere ammesso all’incarico di padrino, è necessario che:

    1) sia designato dallo stesso battezzando o dai suoi genitori o da chi ne fa le veci oppure, mancando questi, dal parroco o dal ministro e abbia l’attitudine e l’intenzione di esercitare questo incarico;

    2) abbia compiuto i sedici anni, a meno che dal Vescovo diocesano non sia stata stabilita un’altra età, oppure al parroco o al ministro non sembri opportuno, per giusta causa, ammettere l’eccezione;

    3) sia cattolico, abbia già ricevuto la confermazione, il santissimo sacramento dell’Eucaristia e conduca una vita conforme alla fede e all’incarico che assume;

    4) non sia irretito da alcuna pena canonica legittimamente inflitta o dichiarata;

    5) non sia il padre o la madre del battezzando.

    Non possono fare da padrini le persone che:

    - sono sposate solo civilmente

    - sono conviventi

    - sono divorziate

    - sono separate ma convivono con un altro partner.

    Potrebbero fare da padrini persone separate ma non conviventi che non hanno chiesto il divorzio o persone divorziate che però siano state costrette a subire il divorzio. In questi casi parlarne preventivamente con il Parroco per valutare la situazione.

    Doveri del Padrino di Battesimo

    Sempre secondo la religione cattolica il padrino di battesimo sarà una persona che verrà scelta dai genitori a cui si affiderà il proprio figlio in caso di bisogno. Il padrino non avrà degli obblighi particolari se non principalmente un dovere morale, sarà una persona di cui si ha fiducia e stima, una persona a cui si potrà affidare il suo figlioccio in caso di bisogno.

    Durante il rito, viene chiesto ai padrini, insieme ai genitori, l’impegno di ‘educarli nella fede, perché nell’osservanza dei comandamenti, imparino ad amare Dio e il prossimo come Cristo ci ha insegnato’ quindi oltre ad avere cura per i loro figliocci dovranno insegnargli la religione, restare fedeli a Dio, consigliarli, e comportarsi in modo da dargli buon esempio di cristiani.