Papa: ‘Aiutate le donne a non abortire’

da , il

    Papa: ‘Aiutate le donne a non abortire’

    Ci capita spesso di citare le affermazioni di Papa Benedetto XVI sul nostro blog, perchè ovviamente tocca dei temi che a noi donne riguardano direttamente, come nel caso dell’uso del preservativo, questa volta si è pronunciato sull’aborto, sollecitando gli operatori sanitari ad ‘auitare il più possibile le donne a non abortire’. In questo caso il Papa ha parlato riferendosi ai dati che confermano che nel nostro paese, ed in particolare nella Regione Lazio, gli aborti sarebbero in notevole aumento negli ultimi anni.

    Il discorso è stato fatto lo scorso 14 gennaio in occasione di un incontro ufficiale con gli amministratori di Roma e del Lazio.

    ‘L’elevato numero di aborti che vengono praticati nella nostra regione – ha detto il Papa Ratzinger – non può lasciare indifferenti. La comunità cristiana, attraverso numerose Case famiglia, i Centri di aiuto alla vita e altre analoghe iniziative, è impegnata ad accompagnare e dare sostegno alle donne che si trovano in difficoltà nell’accogliere una nuova vita’.

    ‘Le pubbliche Istituzioni - ha aggiunto – sappiano offrire il loro sostegno affinché i consultori familiari siano in condizione di aiutare le donne a superare le cause che possono indurre ad interrompere la gravidanza. A questo proposito esprimo il mio apprezzamento per la legge vigente nella regione Lazio, che prevede il cosiddetto ‘quoziente familiare’ e considera il figlio concepito quale componente della famiglia, ed auspico che tale normativa trovi piena attuazione. Sono lieto che la città di Roma abbia già avviato il suo impegno in tale direzione’.

    Sul tema dell’aborto i dibattiti sono sempre aperti perchè ovviamente, da quando nel 1978 lo Stato italiano ha deciso di rendere legale questa pratica, con la legge 194, il Vaticano ha sempre un po’ messo i bastoni tra le ruote. L’aborto è dimostrazione di democrazia e liberà, anche i più laici sanno che decidere di a abortire non è una scelta facile, ma sapere che la legge italiana offre questa possibilità è una garanzia che tutela le scelte delle singole persone.

    Le affermazioni del pontefice in questo caso sembrano essere state semplicemente tendenti verso l’assistenza alle donne indecise, quindi, in questo caso dette rispettando la libertà di scelta, non sempre avviene questo.

    Sia i cattolici che i laici o coloro che professano altre religioni devono avere la tranquillità di poter scegliere in base alle loro esigenze di vita, di lavoro e di relazioni umane.

    Nel 2008 Ratzinger affermò che l’aborto ‘non è un diritto umano, è il suo contrario: una profonda ferita sociale’.