Parto quadrigemellare senza fecondazione assistita. La mamma è una 26enne americana

da , il

    Parto quadrigemellare senza fecondazione assistita. La mamma è una 26enne americana

    Un parto gemellare è un evento raro. Ma un parto quadrigemellare senza l’utilizzo di fecondazione assistita o cure per la fertilità è una cosa più unica che rara. Megan Masencup, 26enne del North Carolina (USA), è davvero una mamma da record: lei ed il marito Justin hanno cominciato in autunno a provare a concepire, senza nessun aiuto, nel modo più naturale possibile. La natura li ha stupiti regalando loro quattro angioletti.

    Il diciassette gennaio la coppia si recò, felice ed agitata, alla prima ecografia dalla ginecologa. ‘Non vedevamo l’ora di poter sentire il battito del cuore, ed essere rassicurati che tutto quanto stava procedendo bene – ha scritto Megan sul blog suo e di Justin. E continua: ‘Mentre l’infermiera stava guardando l’ecografia, ha spalancato gli occhi, e si è coperta la bocca. Immediatamente Justin ha chiesto se ci fosse qualcosa che non andava. L’infermiera ha sorriso e ha scosso la testa, rispondendo ‘Torno subito, vado a cercare qualcun altro per avere un secondo parere, perché io sento quattro battiti!

    La coppia, comprensibilmente, è rimasta sconvolta, reagendo in modi diversi: Justin è andato fuori a fumarsi la classica sigaretta, mentre Megan ha chiamato sua sorella – che non poteva crederle – e sua madre. In poche ore, la loro telefono si è messo a squillare ininterrottamente.

    La sorpresa della coppia, e quella dei loro amici, appare giustificata se si considerano i fatti: i gemelli concepiti in maniera naturale rappresentano solo 1 caso su 729.000 nascite.

    Insieme con l’eccitazione è arrivata però la preoccupazione: di mestiere infatti Justin fabbrica cofanetti, mentre Megan è la proprietaria di un salone per parrucchiere. Mentre erano finanziariamente preparati per un bambino, non lo erano assolutamente per quattro. Ad aggravare le cose, il medico di Megan le ha detto che alla ventesima settimana avrebbe dovuto smettere di lavorare per prendersi un periodo di riposo assoluto, a letto, fino al termine della gestazione.

    Fortunatamente, però, con il diffondersi della notizia, un generoso anonimo si è offerto di aiutare la coppia con le spese, sollevandola così da alcune preoccupazioni.