Passeggini gemellari: quale modello scegliere?

da , il

    Passeggini gemellari: quale modello scegliere?

    Avere due gemelli richiede molta organizzazione fin dai primi giorni di vita: se questo è vero tra le mura domestiche lo è ancora di più quando si ha la necessità di uscire e muoversi. Sappiamo che i requisiti per un passeggino sono maneggevolezza, sicurezza e praticità nelle operazioni di chiusura e apertura: queste caratteristiche sono ancor più indispensabili nel caso di due o più gemelli. E’ ovvio infatti che un passeggino gemellare è più velocemente sottoposto ad usura. La prima scelta è quella tra passeggini gemellari in linea e quelli affiancati: tra i primi inoltre ci sono modelli che mettono i bambini uno dietro l’altro e altri che invece li fanno sedere in posizione frontale.

    I passeggini in linea hanno il vantaggio di essere più facilmente manovrabili e si piegano con facilità, soprattutto quelli con chiusura a libro. Tra i modelli affiancati più moderni ci sono quelli sportivi a tre ruote, adatti a terreni sconnessi. Il limite più grande dei passeggini affiancati è che, se non sono smontabili, non passano per le porte strette. Hanno però il vantaggio di favorire l’interazione tra i gemelli. C’è anche chi invece preferisce comprare due passeggini separati ad ombrello e, in caso di necessità, unirli con gli appositi ganci. Questa soluzione non è da sottovalutare perché il passeggino ad ombrello chiuso è poco ingombrante ma soprattutto perché permette di usare un solo passeggino se si esce con un solo bambino o se sono presenti entrambi i genitori. Nella scelta non trascurate età minima e massima per il trasporto: non tutti i passeggini ad esempio sono adatti ai neonati. Infine controllate sempre la qualità dei materiali.