Permessi per malattia del figlio: sono retribuiti?

da , il

    Permessi per malattia del figlio: sono retribuiti?

    I permessi per malattia del figlio sono retribuiti? Alla maternità sono oggi collegati una serie di diritti, non solo per le mamme, ma anche per il papà lavoratore. Dei permessi per malattia del figlio ci si chiede soprattutto se siano retribuiti o meno. E’ importante, quindi, fare chiarezza in merito. Anzitutto va detto che sia il papà che la mamma lavoratori possono assentarsi per malattia del figlio. Questa deve essere comunque attestata da un medico del Servizio sanitario nazionale o convenzionato. Per quanto riguarda la quantità di assenze possibili, bisogna distinguere in base all’età del bambino.

    In particolare, fino ai tre anni di età del bambino non vi sono limiti per le assenze per malattia del figlio. Dopo i tre anni di vita del bambino, invece, e fino agli otto anni, si può usufruire di soltanto di cinque giorni all’anno. In ogni caso, l’assenza dal lavoro per malattia del figlio, deve riguardare solo uno dei due genitori e questa circostanza deve anche essere attestata da un’apposita dichiarazione dell’azienda nella quale è documentato che l’altro coniuge non sta usufruendo dello stesso permesso per malattia del figlio per quel dato periodo. Comunque, i giorni di permessi per malattia del figlio, non sono retribuiti e quindi non si percepisce stipendio, mentre vengono sempre versati i contributi Inps. Oltre ai permessi per malattia del figlio la maternità è assistita da altri particolari permessi che si estendono sempre più spesso anche al papà. In particolare si tratta dei permessi per l’allattamento, del congedo parentale e dell’assegno di maternità.