Pipì a letto bambini: quali sono le cause?

da , il

    Pipì a letto bambini: quali sono le cause?

    L’enuresi notturna, e cioè la pipì a letto durante il sonno, è un fenomeno abbastanza frequente tra i bambini e che non deve destare troppe preoccupazioni. Tuttavia, sicuramente si tratta di un fastidio da risolvere e che va indagato nelle cause che lo determinano. Molte volte, infatti, l’enuresi è dovuta non tanto a fattori di natura fisica quanto di natura psicologica. E’ giusto quindi che le mamme conoscano queste cause per aiutare il bambino. Una volta escluse le cause prettamente fisiche, l’enuresi è il segnale di un malessere interiore vissuto dal bambino. Diverse possono essere le motivazioni di questo malessere.

    Un fattore destabilizzante per il piccolo può essere, ad esempio, l’inserimento all’asilo. Si tratta di un inserimento che a volte viene vissuto poco tranquillamente dal bambino, che subisce soprattutto il distacco dalla mamma. Molto spesso i bambini reagiscono col pianto, tuttavia può capitare che quelli più introversi interiorizzino il malessere e reagiscano proprio in questo modo, cioè con la pipì a letto. Anche una separazione tra i genitori o comunque da una persona a cui il bambino è molto affezionato può determinare questo tipo di reazione.

    Infine, è possibile, che un altro fattore sia la nascita del fratellino più piccolo. In questo caso la pipì a letto diventa quasi un modo per il bambino per regredire all’età del più piccolo per ricatturare l’attenzione dei genitori nei suoi confronti offuscata dal nuovo arrivo. Si tratta, quindi, in tutti i casi di eventi più o meno traumatici per il piccolo che si traducono in reazioni inconsce e si sviluppano attraverso una reazione fisica. In questi casi è meglio, quindi, che le mamme conoscano le cause e intervengano su queste se vogliono risolvere il problema.