Posizione podalica, suggerimenti per cambiarla

da , il

    Posizione podalica, suggerimenti per cambiarla

    Durante l’ultimo trimestre di gravidanza lo spazio all’interno del ventre della mamma per il bambino si riduce di molto, il piccolo è cresciuto e si sta preparando per nascere. Proprio per questi motivi in questo periodo il bambino inizierà a posizionarsi per ‘l’espulsione’ finale. Come sappiamo la posizione che deve avere il bimbo per nascere dovrebbe essere a testa in giù, ma può capitare invece il contrario quindi ci troveremo davanti ad una situazione di posizione podalica che potrà essere completa o incompleta, in ogni caso il parto del neonato il questa posizione risulterà difficile o comunque sconsigliata. Le ostetriche ed i medici prima del parto consigliano alcuni movimenti per tentare di far cambiare la posizione al bambino, vediamo quali sono.

    I movimenti che vi consiglio qui di seguito sono da fare molto delicatamente sempre nel rispetto della delicatezza della pancia e del bambino. Provate ad assumere le posizione che vi dirò, se non doveste riuscire nell’intento è importante sapere che, chiedendo al vostro ginecologo o alle ostetriche, forse ci sono ancora delle possibilità per farlo girare e fare dunque un parto naturale.

    Si può provare comunque ad incoraggiare il bambino ad assumere una posizione diversa da quella podalica in diverse maniere, ecco quali:

    1. Sedete con le ginocchia più bassa delle anche, in questo modo lo spazio per il bimbo aumenterà e possibilmente si sposterà.

    2. Mentre siete in piedi, protendetevi in avanti il più possibile, per esempio su un piano, sempre per lasciare spazio al bimbo.

    3. Nuotare aiuta il posizionamento del bambino, in particolare è molto utile nuotare a rana, la spinta di galleggiamento infatti darà al bimbo più spazio di movimento.

    4. Mettersi a carponi in modo che la gravità aiuti la colonna del bambino, ovvero la parte più pesante a spostarsi.

    5. Portare le ginocchia al torace per 5-10 minuti quattro volte al giorno.