Preeclampsia, come prevenirla

da , il

    Preeclampsia, come prevenirla

    La preeclampsia, nota anche come gestosi, è una malattia della gravidanza caratterizzata da aumento della pressione del sangue e dalla presenza di proteine nelle urine. In genere si sviluppa dopo la ventesima settimana di gravidanza. Sintomi significativi possono essere la pressione alta, il gonfiore alla caviglie e la presenza di proteine nelle urine. Numerose sono le cause che la scatenano: oltre alla familiarità e al soprappeso, la favoriscono l’età materna inferire ai 20 anni o superiore ai 40, l’ipertensione cronica, la malattia parodontale, la trombofilia (alterazione del sangue che causa la formazione di trombi) e le malattie dei reni. Di questi, il fattore più determinante sembra essere proprio l’ereditarietà dal momento che la malattia, di fatto, ricorre spesso nell’ambito della stessa famiglia.

    Già questo rappresenta quindi un fattore di allarme che deve indurre la futura mamma a ricorrere a tutti i metodi per prevenirne la comparsa. La malattia poi, frequentemente ricorre nella stessa donna, per cui la mamma, che ne è stata colpita durante la prima gravidanza, ha maggiori probabilità di soffrirne nelle successive. In questi casi è dunque ancora più importante osservare le regole che aiutano a prevenire la comparsa della preeclampsia.

    Tra queste: seguire un’alimentazione poco calorica per contenere al massimo l’aumento di peso; cercare di fare ogni giorno movimento per almeno 45 minuti di seguito (le attività fisiche da privilegiare sono quelle dolci: camminare, usare la cyclette, nuotare); moderare l’impiego di sale da cucina; ridurre al massimo le fonti di stress.