Prime settimane di gravidanza: non è solo la nausea a far passare l’appetito

da , il

    Prime settimane di gravidanza: non è solo la nausea a far passare l’appetito

    L’alimentazione in gravidanza è fondamentale per la salute della mamma e del feto fin dalle prime settimane di gravidanza: tuttavia non sempre è facile avere appetito e mangiare. Il nemico numero uno delle donne incinta a tavola è sicuramente la nausea, concentrata soprattutto durante le prime ore del mattino. Ma questo non è l’unico fastidio tipico della gravidanza che rende difficile avere un’alimentazione regolare. Molte donne incinta lamentano di avere una sensazione molto fastidiosa paragonabile ad un sapore di tipo metallico in bocca.

    Fino a poco tempo fa si pensava che questo fosse dovuto ad un condizionamento di natura psicologica: oggi invece è stato accertato che non è solo suggestione e c’è in realtà una ragione scientifica che giustifica questa sensazione. Durante le prime 5-6 settimane della gravidanza infatti l’ormone lattogeno-placentare prepara la ghiandola mammaria in vista dell’allattamento e inoltre stimola la crescita del feto indirizzando verso il feto abbondanti scorte di zuccheri e di aminoacidi. La conseguenza di questa attività ormonale è appunto una sensazione strana di gusto ferroso in bocca. Questo può comportare un’alterazione del gusto per cui cibi che comunemente vi sono piaciuti non vi piaceranno più temporaneamente. A modificare il senso del gusto in gravidanza contribuisce anche la maggiore salivazione. Fortunatamente questi fastidi sono solitamente limitati ai primi mesi di gravidanza e difficilmente si protraggono oltre il quarto mese. Va detto però che nei mesi immediatamente antecedenti al parto possono verificarsi dolori allo stomaco e di certo neppure questi stimolano l’appetito.