Progesterone in gel contro il parto prematuro

Progesterone in gel contro il parto prematuro
da in Gravidanza, Gravidanza a rischio, Mamma, Parto prematuro Ultimo aggiornamento:
    Progesterone in gel contro il parto prematuro

    Trattare le donne con gravidanza a rischio con del semplice progesterone in gel ridurrebbe il tasso di parti prematuri del 45% e aiuterebbe a prevenire le complicanze respiratorie nei bambini. A documentarlo è uno studio internazionale su donne a rischio parto prematuro cui ha partecipato, fra gli altri, l’ospedale di Padova.

    Lo studio condotto da Roberto Romero dei National Institutes of Health statunitensi e pubblicato sull’ultimo numero di Obstetrics and Gynecology, ha preso in esame 458 donne con cervice corta che avevano ricevuto un trattamento con gel vaginale con progesterone o un placebo tra le 19 e le 23 settimane di gestazione.

    Il progesterone è stato sperimentato perché è un ormone fondamentale durante la gestazione. Garantisce infatti il funzionamento dell’endometrio, inibisce le contrazioni del miometrio e soprattutto blocca la risposta immunitaria materna che porterebbe alla espulsione dell’embrione riconosciuto come corpo estraneo.
    Ebbene soltanto l’8,9% delle donne che avevano ricevuto il trattamento ha poi partorito prima della 33sima settimana, comparato con il 16,1% del gruppo di controllo.
    La terapia sembra aver aiutato anche i neonati: solo il 3% dei figli delle donne che avevano ricevuto il progesterone avevano problemi respiratori comparato con il 7,6% del gruppo di controllo.

    Secondo i dati del ministero della Salute, solo in Italia il rischio di parto prematuro interessa il 5% della popolazione, una percentuale che sale fino al 10% se si considera l’intera Europa. Nel 2005, in tutto il mondo, invece, secondo i ricercatori ammontano a 12,9 milioni le nascite pretermine.
    L’implicazione più importante di questa scoperta è la possibilità di organizzare uno screening universale delle donne nel secondo trimestre di gravidanza mediante misurazione ecografica della lunghezza cervicale, al fine di identificare i casi a rischio di parto prematuro e trattarli con il progesterone gel, riducendo la frequenza del parto prematuro e migliorando gli esiti neonatali in modo semplice e sicuro.

    370

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN GravidanzaGravidanza a rischioMammaParto prematuro Ultimo aggiornamento: Lunedì 11/04/2011 13:20
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI