Quale dovrebbe essere il ruolo del papà nella crescita del neonato

da , il

    Quale dovrebbe essere il ruolo del papà nella crescita del neonato

    Quale ruolo deve avere il papà nella crescita del neonato? Si sa che la figura tradizionalmente di riferimento nella crescita del neonato è la mamma. Questo sicuramente è vero, ma solo in parte. Anche il papà, infatti, ha e deve avere un ruolo nella crescita del neonato. Il ruolo del papà nella crescita del neonato è importante in primis perché permette di evitare che tra la mamma ed il piccolo si crei un rapporto morboso. Molte volte, per questo motivo, può pure capitare che il papà si senta escluso o geloso di questo rapporto.

    E’ invece importante che le donne cerchino il più possibile di coinvolgere il proprio partner, anche nella cura materiale del piccolino. Il dialogo è fondamentale; è necessario condividere col papà sentimenti e dubbi sulla crescita del neonato. Se il ruolo del papà è importante nella crescita del neonato, lo è ancora di più successivamente, tra i 3 e i 6 anni di vita del bambino. In questa fase, definita di identificazione sessuale, il ruolo del padre è essenziale. In questa fase, infatti, il maschietto tende ad identificarsi col padre, “infatuandosi” della mamma e le femminucce si identificano con la madre, “infatuandosi” del papà. E’ proprio in questa fase delicata, tra i 3 e i 6 anni, quindi, che si sviluppa l’identità sessuale del bambino. E’ importante dunque che il papà abbia fin da subito un suo ruolo nella crescita del bambino e che impari gradualmente a”fare il papà”. E’ utile quindi non disincentivare le sue iniziative e, anzi, incoraggiarlo a prendersi cura anche nelle piccole cose del neonato. Un ruolo del papà nella crescita del neonato è poi, di sicuro, anche di aiuto per la mamma.