Quando inizia a gattonare il bambino?

da , il

    Quando inizia a gattonare il bambino?

    Lo sviluppo motorio del bambino, che si conclude con l’acquisizione della posizione eretta, è un percorso che prevede diverse fasi. Una di queste è proprio la cosiddetta fase del ‘gattonamento’ che rappresenta la tappa precedente, l’anticamera del camminare vero e proprio. In questa fase il bambino manifesta la sua volontà di muoversi da solo spinto dalla curiosità di conoscere ed esplorare il mondo. Gattonando il bambino riesce ad esplorare l’ambiente circostante, raggiunge gli oggetti che suscitano il suo interesse e inizia a prendere consapevolezza del suo corpo e delle sue forze. Generalmente la ‘fase del gattonamento’ inizia tra gli otto e i dieci mesi di vita, anche se ogni bambino segue una sua tempistica particolare dovuta al grado di sviluppo raggiunto e agli stimoli esterni che riceve.

    Per questo motivo, in questo periodo, andrebbe limitato l’uso del box, per consentire a pieno al bambino di sviluppare questa esperienza. Si tratta, tuttavia, di una tappa non necessaria, nel senso che non tutti bambini conquistano la posizione eretta passando per il gattonamento. In ogni caso, il bambino non deve mai essere spinto nel seguire o effettuare certi movimenti. I genitori devo assecondare la fase del gattonamento quando si verifica, ma mai incoraggiarla per propria volontà o cercare di farla superare spingendo il bambino a camminare troppo in fretta rispetto a quelli che sono i suoi tempi.

    Anche in questo caso, infatti, è necessario assecondare l’istinto e le scelte del bambino. Il gattonamento, infatti, ha proprio la funzione di far acquisire sicurezza al bambino e di rafforzare i muscoli prima che venga acquisita pienamente la posizione eretta.