Restare incinta: come individuare il periodo giusto

da , il

    Restare incinta: come individuare il periodo giusto

    Quando si decide di mettere in cantiere un bebé può essere utile ricorrere ad alcuni metodi che indichino il periodo più fertile per il concepimento. Questo soprattutto se c’è già qualche problema legato alla fertilità. Ma come fare per individuare i giorni più fertili, quelli in cui c’è la massima probabilità di un concepimento? Vediamo insieme come fare. Cominciamo col dire che in media il ciclo mestruale dura 28 giorni che si contano a partire dal giorno della comparsa delle mestruazioni. L’ovulazione invece cade il 14° giorno del ciclo. Ebbene, poiché gli spermatozoi hanno una vita media di 48-72 ore e l’ovocita di 12, il periodo ideale per avere un rapporto è dalle 12 alle 24 ore prima del momento presunto dell’ovulazione.

    Tuttavia, per individuare il momento dell’ovulazione, il semplice conteggio dei giorni del ciclo è un metodo poco attendibile a causa delle eventuali variazioni fisiologiche che il ciclo stesso può avere, diversificandosi anche di donna in donna. Più attendibile è il metodo Billings. Questo si basa sul fatto che, approssimandosi l’ovulazione, avvengono alcune modificazioni nella secrezione del muco cervicale che la donna può percepire soggettivamente a livello della vulva.

    In altre parole, l’imminenza dell’ovulazione, è segnalata da una sensazione di lubrificazione. Infine potete ricorrere, per lo stesso scopo, anche agli stick ovulatori che potete trovare in farmacia. Questi, a contatto con le urine, si colorano in presenza dell’ormone LH prodotto dall’ipofisi e la cui concentrazione nell’organismo ha un picco dalle 12 alle 36 ore prima dell’ovulazione.