Sala parto: papà ammessi oppure no?

da , il

    Sala parto: papà ammessi oppure no?

    Le donne incinta si dividono in due grandi categorie: quelle che sognano di dividere il momento del parto con il proprio uomo e quelle che invece escludono a priori la sua presenza in sala parto. Le prime sperano di avere così il supporto del proprio partner in un momento di dolore e paura. Le altre invece fanno questa scelta un po’ perché pensano che gli uomini in sala parto sono inutili, se non potenzialmente dannosi, e un po’ perché non vogliono farsi vedere in un momento naturale ma forse poco femminile.

    E’ stato infatti riscontrato che molti uomini, dopo aver visto la donna intenta nel parto, subiscono una fase di profondo calo del desiderio. E gli uomini che ne pensano? Alcuni tengono a vedere la nascita in diretta del proprio bambino: è la categoria di uomini che seguono il corso pre parto con partecipazione ed interesse. Altri invece preferiscono non assistere ad una scena molto forte e così piena di realismo per paura di svenire. In effetti il ginecologo francese Michael Odent, e con lui anche altri colleghi, scoraggiano le coppie a scegliere di far entrare l’uomo in sala parto, non solo per il rischio che possa essere di intralcio. Secondo la sua teoria se l’uomo è presente durante il parto i dolori aumentano. Come è possibile? In pratica l’ansia dell’uomo, che si sa per sua natura sopporta molto meno di noi donne il dolore, verrebbe trasmessa alla partoriente. Questo rallenterebbe nel suo organismo la produzione di ossitocina durante il parto e quindi aumenterebbe i dolori.