Salmonella in gravidanza, i rischi per il feto

da , il

    Salmonella in gravidanza, i rischi per il feto

    Contrarre la salmonella in gravidanza ha qualche rischio per il feto? Molte mamme che sono in gravidanza si chiedono quali sono i rischi che il contagio da alcune malattie virali o batteriche può avere sul feto. La salmonella, come tanti già sanno, è un’infezione batterica causata dal batterio della salmonella (Salmonella enteritidis e Salmonella typhimurium) ed è causata dalla preparazione di alcuni alimenti o dal fatto che si consumano crudi. In genere la salmonella non dà grossi problemi, ma cosa accade quando si contrae in gravidanza?

    Va detto che la donna in gravidanza, soprattutto nel primo trimestre, è più suscettibile a questo tipo di infezioni. Questo anche a causa di un indebolimento del sistema immunitario che si ha proprio durante la gravidanza stessa a causa di tutti i cambiamenti legati ad essa. La salmonella in gravidanza può essere trasmessa al feto e ciò avviene attraverso il passaggio per la placenta. Per evitare rischi per il feto, quindi, sarebbe bene evitare di contrarre la salmonella in gravidanza. A questo scopo si consiglia di cuocere molto bene le uova e il pollame e fare attenzione, quando li si prepara, a non toccare direttamente con le mani sporche altri alimenti che si devono consumare. Per evitare la salmonella in gravidanza e i conseguenti rischi per il feto, poi, andrebbe escluso proprio il consumo di alcuni alimenti come le uova crude, ma anche la maionese. Altri accorgimenti particolari permettono di evitare la salmonella, anche in gravidanza. Comunque, qualora dovessero riscontrarsi i sintomi della salmonella in gravidanza, è importante consultare subito il proprio ginecologo che prescrive le cure del caso.