Scarlattina in gravidanza, non ci sono rischi seri per il feto

da , il

    Scarlattina in gravidanza, non ci sono  rischi seri per il feto

    La scarlattina in gravidanza ha dei rischi sul feto oppure non deve preoccupare nel caso di contagio? Le donne in gravidanza fanno bene a fare attenzione alla contrazione di infezioni e virus vari; ad esempio molte già sanno che la rosolia in gravidanza può avere conseguenze sul feto. Può succedere che la donna in gravidanza si renda conto di essere a contato con qualcuno contagiato da scarlattina, ad esempio può essere anche un altro figlio ad averla contratta.

    Cosa fare in questi casi? La scarlattina in gravidanza provoca rischi seri per il feto? La scarlattina è una malattia infettiva di origine batterica causata dallo Streptococco beta emolitico di gruppo A. Va subito detto che però la scarlattina in gravidanza, in caso di contagio, non ha rischi seri sul feto e non da quindi adito a possibili malformazioni di quest’ultimo. Tuttavia, se la donna in gravidanza contrae la scarlattina, farebbe bene comunque a rivolgersi al proprio ginecologo perché, più che altro, esiste il rischio di trasmissione della stessa scarlattina al feto al momento del parto. Anche se questa possibilità ha un’incidenza molto rara (solo nell’1% dei casi), è comunque consigliato, dove possibile, evitarla. Occorre quindi che la donna affetta da scarlattina in gravidanza si rivolga al proprio ginecologo che, di solito, prescrive un tampone vaginale proprio per verificare il rischio di passaggio al feto durante il parto. Se il tampone dovesse risultare positivo il ginecologo prescrive una cura a base di antibiotici. La scarlattina in gravidanza quindi non ha seri rischi sul feto, ma è bene comunque consultare il medico che valuta al meglio la situazione.