Secondo trimestre: la crescita del feto e le trasformazioni della donna

da , il

    Secondo trimestre: la crescita del feto e le trasformazioni della donna

    Sono passati già tre mesi dal concepimento del vostro bambino: avete vissuto l’emozione della notizia di essere incinta, della prima ecografia e anche le prime paure legate alla gravidanza. Ora state per entrare nel quarto mese. Passato il primo trimestre avrete superato il momento più delicato della gestione ma ciò non vuol dire che bisogna smettere di essere attente e responsabili nel secondo trimestre di gravidanza.

    Ma come cambia il nostro corpo in questa fase e in che modo continua lo sviluppo del feto? Scopriamolo insieme passando in rassegna mese dopo mese. Nel quarto mese l’utero inizia a premere con più insistenza sul pube e il bambino si muove frequentemente quindi è normale soffrire di stitichezza o al contrario di stimolo continuo ad urinare. Nel quinto mese si può assistere invece ad inturgidimento del capezzolo e alla comparsa di macchie scure sulla pelle: è normale quindi soffrire di disidratazione della pelle ed eventualmente di emorroidi. Nel mese successivo dai capezzoli può fuoriuscire il colostro, un liquido giallastro mammario serioso conosciuto anche come ‘primo latte’, e possono verificarsi saltuariamente perdite vaginali. Dal punto di vista psicologico e neurologico invece è da considerare assolutamente normale avere qualche vuoto di memoria durante il secondo trimestre di gravidanza. L’inconveniente potrebbe essere infatti causato dagli ormoni in subbuglio che potrebbero avere effetti negativi sull’ippocampo e più in generale sul cervello: per lo stesso motivo non c’è da preoccuparsi se notate sbalzi d’umore o lievi crisi d’ansia e attacchi di panico frequenti.