Sesso e gravidanza: come cambia il desiderio

da , il

    Sesso e gravidanza: come cambia il desiderio

    Durante la gravidanza si hanno forti sconvolgimenti ormonali ed emotivi; tutto questo si ripercuote anche sul desiderio sessuale che varia nel corso dei mesi. Possiamo distinguere tre fasi per capire come avvengono le variazioni del desiderio sessuale. Nel primo trimestre di gravidanza si verifica normalmente un calo del desiderio della donna. Questo calo è dovuto alla nausea e al vomito ma anche al timore di pregiudicare la gravidanza appena iniziata. In realtà non c’è nessun reale pericolo per il feto legato all’attività sessuale. Nel secondo trimestre di gravidanza, invece, solitamente si ha un aumento della libido e ciò è dovuto sia a fattori di origine fisiologica sia a fattori di tipo psicologico.

    In questo periodo la donna diventa più ricettiva alle pulsioni sessuali perché le mucose dei genitali (i tessuti di rivestimento interno) diventano più sensibili a causa di un maggiore afflusso di sangue in questa zona. Anche l’elemento psicologico conta molto in questo periodo. Solitamente a questo stadio della gravidanza la donna ha ricevuto le informazioni sufficienti per capire che non ci sono reali pericoli connessi all’attività sessuale. Infine, nel terzo trimestre di gravidanza, si assiste ad un nuovo calo del desiderio sessuale per la donna.

    La stanchezza, l’ingombro e il peso del pancione hanno una forte influenza. Anche la convinzione che le spinte del pene possano indurre il travaglio prima del tempo costituisce un fattore deterrente. Tuttavia, questa credenza non ha reali risconti nel senso che, in assenza di problemi specifici, i rapporti sessuali non rischiano di provocare una gravidanza pretermine.