Sindrome di Asperger: cause, sintomi e differenze con l’autismo

da , il

    Sindrome di Asperger: cause, sintomi e differenze con l’autismo

    La sindrome di Asperger nei bambini è abbastanza comune anche se non sempre viene diagnosticata tempestivamente trattandosi di un disturbo di recente scoperta. Spesso quindi viene confuso con la ben più nota diagnosi di autismo, dalla quale tuttavia differisce per alcuni elementi non trascurabili. Vediamo quali sono le cause della sindrome di Asperger e quali sintomi devono mettere in allarme i genitori di bambini con disturbi dell’attenzione.

    Cos’è la sindrome di Asperger: le cause

    Il nome della sindrome di Asperger si deve a quello del medico che per la prima volta diagnosticò questo disturbo in un gruppo di bambini, il Hans viennese Asperger. La malattia rientra nei disordini neurologici dello sviluppo e comporta disturbi nell’apprendimento. Le cause non sono state ancora studiate (anche perché la malattia è stata diagnosticata nella sua ampiezza solo una quindicina di anni fa). Si sa per certo che è più diffusa nei maschietti che nelle bambine ma non è stata ancora trovata la spiegazione scientifica a questo dato. In alcuni casi è evidente la componente genetica. Spesso è associata alla Sindrome di Tourette ma anche questo accostamento non trova riscontro scientifico al momento.

    Sintomi della sindrome di Asperger

    I bambini affetti da sindrome di Asperger presentano difficoltà di coordinazione motoria e rallentamenti nell’apprendimento scolastico. Sono monotoni e spesso hanno un interesse quasi ossessivo per uno specifico interesse che i coetanei ignorano o snobbano. Non si tratta affatto di bambini ritardati: nella maggior parte dei casi sono più intelligenti della media, ma solo in uno specifico settore di interesse. Sono spesso molto portati per numeri e calcoli

    Sindrome di Asperger, punti di contatto e differenze con l’autismo

    Spesso si parla genericamente di bambini autistici mentre in realtà si tratta di disturbi diversi, come appunto la sindrome di Asperger. In effetti però le due diagnosi, prima di un approfondimento, sono difficilmente distinguibili. In cosa somiglia all’autismo? In molti ancora oggi considerano la sindrome di Asperger come una forma più attenuata di autismo: la dottrina dominante però, pur riscontrando molte somiglianze dal punto di vista clinico, le considera come due condizioni ben distinte. Un elemento distintivo è l’interesse maniacale di questi bambini per un argomento o materia. La AS quindi è decisamente più settoriale rispetto all’autismo. I bambini con Asperger tendenzialmente non si autoescludono e non stanno in disparte. Molti vivono con frustrazione le difficoltà ad inserirsi con i coetanei.

    Sindrome di Asperger: cura

    La sindrome di Asperger è meno conosciuta dell’autismo ma in realtà più diffusa: se secondo le stime la seconda colpisce circa 4 su 10000 bambini, la prima invece arriva a 25 su 10000. A proposito delle cure va sottolineato che un per un bambino con AS non è affatto escluso uno sviluppo normale. Esistono inoltre gruppi di sostegno per i bambini affetti da sindrome di Asperger.