Sonno bambini, il 30% soffre di insonnia

da , il

    Sonno bambini, il 30% soffre di insonnia

    Il dato non è rassicurante: nei primi due anni di vita l’insonnia colpisce il 20-30% dei bambini.

    L’allarme è lanciato da Maria Pia Villa , direttore del centro del sonno dell’ospedale Sant’Anna di Roma e coordinatrice del gruppo studio di medicina del sonno della Società Italiana Pediatria.

    Dai rilievi viene fuori che i bambini di oggi non dormono abbastanza. La media è di 6-7 ore a notte ma non è abbastanza, infatti l’ideale è dormire almeno otto ore.

    D’altronde un recente studio ha anche confermato che un buon sonno non fa crescere bambini obesi.

    Come mai? I genitori non prestano la dovuta attenzione all’importanza del riposo e portano i piccoli in giro fino a tardi, oppure permettono loro di guardare la televisione oltre un certo orario.

    I disturbi di cui sono più affetti i bambini sono l’insonnia , parasonnie e disturbi respiratori. Così il 20 – 30% soffre di insonnia e i problemi del russamento e della apnee notturne interessano dal 3 al 27% dei bambini in età pre scolare.

    Il 2-3% dei bambini soffre di parasonnie ossia di sonnambulismo e situazioni di eccitabilità dei neuroni come il parlare di notte, svegliarsi con tremore.

    Un altro problema sottovalutato riguarda il disturbo respiratorio del sonno che, se non curato, potrebbe provocare problemi di attenzione, irritabilità fino a conseguenze più gravi come malattie cardiocircolatorie in età adulta.

    Le cause di questo disturbo sono da ritrovare nella adenoidi o tonsille ingrossate, particolare conformazione della testa con palato ogivale molto alto, naso piccolo e mandibola stretta.

    Le cure? Mangiare ad orari prefissati, non bere molto ed evitare di fare il bagnetto al piccolo prima di cena.