Taglio del cordone ombelicale e lotus birth: benefici del parto integrale

da , il

    Taglio del cordone ombelicale e lotus birth: benefici del parto integrale

    Una delle prime cose che si fa dopo il parto è quella di tagliare il cordone ombelicale: spesso abbiamo affrontato questo argomento per analizzare la tecnica del taglio o sottolineare l’importanza delle cellule staminali contenute nel cordone. Oggi vi presentiamo una tecnica di parto molto delicata che non implica il taglio del cordone ombelicale del neonato: si chiama lotus birth ed è un approccio alla nascita basato sull’idea che il piccolo debba adattarsi in maniera graduale al mondo circostante.

    Per questo motivo si ha l’accortezza di non recidere il cordone ma di aspettare che cada in maniera naturale. Solitamente questo avviene entro una settimana dal parto. Sembra che i benefici, sia per la mamma che per il figlio, siano molti a livello non solo fisico ma anche psicologico. Secondo questa teoria il cordone rappresenta per il bambino al momento della nascita l’organo vitale e quindi la separazione brusca attraverso il taglio rappresenta un evento scioccante. L’obiettivo quindi è quello di non rendere traumatico il passaggio dalla respirazione placentare a quella polmonare. Il parto integrale giova anche alla neomamma in quanto riduce il rischio di emorragia post partum. Fino a che non cade è opportuno curare al massimo l’igiene del neonato e trattare il cordone con oli essenziali profumati e sale per conservarlo correttamente ed evitare infezioni.