Tic nervosi nei bambini: le cause alla base del problema

da , il

    Tic nervosi nei bambini: le cause alla base del problema

    I tic nervosi nei bambini possono avere diverse cause all’origine. Per tic si intendono dei movimenti, gesti o espressioni che il bambino effettua in modo improvviso, veloce e ripetitivo (ad esempio torcere il collo, alzare le spalle, strizzare gli occhi, ma anche tirare su col naso e tossire continuamente). I tic nervosi nei bambini sono comunque un disturbo comune che tende a risolversi generalmente in modo spontaneo. La fascia di età più interesatta dalla comparsa dei tic nervosi è quella tra i sei e i sette anni, ma possiamo dire che il disturbo può comparire già dai tre anni e fino ai 15.

    Come detto i tic si risolvono spesso spontaneamente, ma è importante comunque segnalarli al pediatra che valuta la situazione anche osservando l’evoluzione del problema. Per quanto riguarda le cause dei tic nervosi nei bambini, quasi sempre si tratta di un disagio emotivo che il bambino sta vivendo e che esprime in questo modo. Si può trattare della nascita di un fratellino o dell’inizio della scuola materna, oppure di una situazione conflittuale in famiglia.

    Col tempo, poi, il tic nervoso finisce per diventare automatico, prescindendo quindi dalle cause psicologiche iniziali scatenanti. Nel caso di tic nervosi nei bambini è comunque importante che i genitori non rimproverino il piccolo per il gesto, ma che osservino con discrezione l’evoluzione del problema insieme al pediatra.