Tiralatte: quale scegliere e perché

da , il

    Tiralatte: quale scegliere e perché

    Quale tiralatte scegliere e perché? Il tiralatte è uno strumento che consente alle mamme di estrarre il latte per poi utilizzarlo in momenti diversi, qualora non fosse possibile attaccare direttamente il neonato al capezzolo. Molto spesso si utilizza il tiralatte quando il bebè nasce prematuro (perché in questo caso non si riesce ad attaccare al seno e va nutrito al biberon), quando la mamma lavora per sopperire ai momenti dedicati all’attività lavorativa e quando ci sono dei disturbi al seno come la mastite e l’ingorgo mammario.

    Ma, quale tiralatte scegliere in base alle diverse esigenze? I tiralatte possono essere elettrici o manuali. I tiralatte manuali sono azionati a mano e costano in genere tra i 30 e i 60 euro. Rispetto a quelli elettrici, però, sono più faticosi da usare, quindi sono sconsigliati a chi li utilizza spesso. I tiralatte elettrici, invece, non sono azionati a mano ma da un dispositivo elettrico e per questo più comodi. Il costo però è più elevato, tra i 60 e i 100 euro. Alcuni tiralatte ancora più costosi possono poi essere noleggiati in farmacia al costo di circa 70 euro al mese.

    Una volta utilizzato il tiralatte, qualunque modello si sia scelto, è importante conservare correttamente il latte estratto. Il latte può essere conservato in frigorifero oppure in freezer. E’ consigliato utilizzare piccoli recipienti sterili dai 60 ai 100 grammi. In freezer il latte estratto con il tiralatte può essere conservato anche per un paio di mesi ma, una volta scongelato non va più rimesso in freezer, ma sempre consumato entro le 24 ore successive.