Veleni in casa: regole per tutelare i bambini

da , il

    Veleni in casa: regole per tutelare i bambini

    Gli incidenti domestici sono all’ordine del giorno soprattutto per coloro che passano molto tempo in casa, proprio come i bambini. E’ importante adottare tutti gli accorgimenti in grado di salvaguardare i piccoli dall’assunzione di sostanze tossiche. A fini preventivi è indispensabile tenere lontano dalla portata dei bambini sia i farmaci che i prodotti utilizzati per la pulizia della casa. Queste sostanze vanno sistemate in un luogo inaccessibile, preferibilmente in un armadietto chiuso a chiave. Le etichette di tutte le sostanze potenzialmente pericolose non devono mai essere rimosse (come la scatola e le istruzioni dei farmaci).

    In questo modo i genitori potranno fornire le indicazioni necessarie al medico e al cento antiveleni in caso di ingestione. Soprattutto i farmaci non devono mai essere lasciati incustoditi perché i bambini potrebbero scambiarli per caramelle. Allo stesso modo è meglio evitare di travasare in contenitori anonimi sostanze dannose. Se si deve farlo necessariamente, occorre predisporre un’apposita etichetta indicante anche la situazione di pericolo in caso di ingestione o inalazione.

    In questi casi è meglio non indurre mai di propria iniziativa il vomito nel piccolo ma telefonare subito al centro antiveleno e chiedere informazioni sul da farsi anche se il bambino non manifesta sintomi. Se è necessario portare il bambino all’ospedale è sempre meglio portare con se il contenitore con la sostanza ingerita o inalata. Nello steso tempo, dopo il contatto con la sostanza, è meglio non dare da mangiare o bere al piccolo. Infine, mai cercare di assaggiare il prodotto ingerito o inalato dal piccolo.