Abiti da sposa taglie comode: quali modelli scegliere [FOTO]

da , il

    Gli abiti da sposa per taglie comode costituiscono ancora al giorno d’oggi un tabù di cui molte donne hanno paura di parlare, come se avere qualche chilo in più o una taglia difficilmente reperibili nei normali atelier sia motivo di vergogna… In realtà non affatto così, esistono moltissimi marchi specializzati nella creazioni di vestiti da sposa per taglie che vanno dalla 48-50 in su e vengono creati e pensati appositamente per far sentire a proprio agio e bellissima una donna con qualche curva in più nel giorno delle sue nozze.

    Segreti per scegliere il modello giusto

    Diffidate di chi vi vuole costringere a diete privative in vista del matrimonio, certo, la salute è importante, ma se fate pace con le vostre curve e le vostre forme trovare l’abito sarà molto più semplice, specialmente rivolgendosi ad un atelier specializzato oppure ad una sarta che possa riprodurvi in modo assolutamente su misura l’abito dei vostri sogni. E ora sfatiamo insieme qualche mito: chissà perché sono tutti convinti che le donne con le curve debbano nascondere, non è affatto così! Le donne curvy devono imparare a valorizzare i propri punti critici partendo prima di tutto dalla forma dell’abito: è risaputo che i tagli ad impero o a sottoveste, scivolando semplicemente sulle curve del corpo, aiutino a mimetizzare qualche rotolino di troppo, ciò non toglie che vadano benissimo anche gli abiti con un bustier stretto che aiuti a definire il punto vita, magari realizzato con stecche contenitive e un tessuto a pieghe diagonali o verticali che aiuta anche in questo caso a snellire la figura. Se non vi sentite a vostro agio con una scollatura troppo profonda o con le braccia scoperte potrete chiedere di aggiungere del tessuto per formare delle mezze maniche o magari del pizzo che dallo scollo del bustier arrivi a coprirvi fino sotto al collo creando anche dei giochi di vedo non vedo interessanti. Per le spose d’inverno sarà ancora più semplice scegliere tra le numerose proposte di giacche e coprispalle alla moda.

    Per quanto riguarda colori e decorazioni non esistono limitazioni: scegliete quello che più vi piace, specialmente se avete optato per un abito bustier, dei motivi floreali o geometrici creati con perle, cristalli o swarovski aiuteranno la vostra figura a sembrare ancora più aggraziata. Da evitare maxi fiocchi o fiori appuntati in vita o sulla schiena che appesantirebbero il look, via libera invece alle gonne a trapezio che terminano con strascico. Il colore dell’abito deve essere preferibilmente bianco o avorio, bene anche il rosa se cipria o tenue, da evitare assolutamente i colori accesi, le fantasie, l’argento o l’oro. D’obbligo i tacchi che da che mondo e mondo aiutano a slanciare la figura e, consentiti, dopo un’attenta prova, anche gli abiti da sposa corti, soprattutto per chi oltre ad una taglia abbondante ha anche il problema della bassa statura.