Canzoni d’amore divertenti per il matrimonio: testi e audio in streaming

da , il

    Di canzoni d’amore bellissime da far suonare al matrimonio ce ne sono tante, canzoni emozionanti che parlano di amori felici, di amori eterni, spesso però queste rischiano di essere anche un po’ banali, perchè invece non scegliere per il taglio della torta o altri momenti importanti del matrimonio delle canzoni divertenti? Sempre canzoni d’amore, ma un po’ più allegre, eccone una fantastica selezione da ascoltare e con il testo integrale da seguire.

    Da Gianni Morandi con la mitica Banane e Lampone fino a Daniele Silvestri passando anche per Adriano Celentano e la frizzante Rita Pavone, ecco le canzoni d’amore più divertenti tutte da ascoltare.

    Datemi un martello di Rita Pavone

    Datemi un martello.

    Che cosa ne vuoi fare?

    Lo voglio dare in testa

    A chi non mi va, sì sì sì,

    A quella smorfiosa

    Con gli occhi dipinti

    Che tutti quanti fan ballare

    Lasciandomi a guardare

    Che rabbia mi fa

    Che rabbia mi fa

    Datemi un martello.

    Che cosa ne vuoi fare?

    Lo voglio dare in testa

    A chi non mi va, eh eh eh

    A tutti le coppie

    Che stano appiccicate,

    Che vogliono le luci spente

    E le canzoni lente,

    Che noia mi dà, che noia mi dà

    E datemi un martello.

    Che cosa ne vuoi fare?

    Per rompere il telefono

    L’adopererò perché sì!

    Tra pochi minuti

    Mi chiamerà la mamma,

    Il babbo ormai sta per tornare,

    A casa devo andare, ufa,

    Che voglia ne ho, no no no, che voglia ne ho

    Un colpo sulla testa

    A chi non è dei nostri

    E così la nostra festa

    Più bella sarà.

    Saremo noi soli

    E saremo tutti amici:

    Faremo insieme i nostri balli

    Il surf il hully gully

    Che forza sarà…

    Ma la notte no di Renzo Arbore

    Ogni giorno la vita

    e’ una grande corrita

    (ma la notte no!)

    Ho il morale un po’ gricio

    non c’é piú il dentifricio

    (ma la notte no!)

    Ogni giorno e’ una lotta

    chi sta sopra e chi sotta

    (ma la notte no!)

    Il mattino e’ un po’ grigio

    se non c’e’ il dentifrigio

    (ma la notte no!)

    tu ti guardi allo specchio

    e ti sputi in un ecchio

    (ma la notte no!)

    Poi comincia il lavoro

    e dimentichi il cuoro

    (ma la notte no!)

    parli sempre e soltanto

    delle cose importanto

    (ma la notte no!)

    e ti perdi la stima

    se non trovi la rima

    (ma la notte no!)

    ti distrugge lo stress

    e dimentichi il sess

    (ma la notte no!)

    che stress, che stress

    che stress di giorno

    (ma la notte no!)

    che stress, che stress

    che stress di giorno

    (ma la notte no!)

    che stress, che stress

    che stress di giorno

    (ma la notte no!)

    che stress, che stress

    che stress di giorno

    (ma la notte no!)

    Giorno mi tormenti cosi

    Giorno mi fai dir sempre si…

    ma la notte, ma la notte

    ma la notte, ma la notte

    ma la notte, ma la notte no!

    ma la notte, ma la notte

    ma la notte, ma la notte

    ma la notte, ma la notte no!

    Lo diceva Neruda

    che di giorno si suda

    (ma la notte no!)

    rispondeva Picasso

    io di giorno mi scasso

    (ma la notte no!)

    e per questa rottura

    non si trova la cura

    (ma la notte no!)

    il morale s’affloscia

    la pressione s’ammoscia

    (ma la notte no!)

    S’ammoscia, s’ammoscia

    s’ammoscia di giorno

    (ma la notte no!)

    S’ammoscia, s’ammoscia

    s’ammoscia di giorno

    (ma la notte no!)

    S’ammoscia, s’ammoscia

    s’ammoscia di giorno

    (ma la notte no!)

    S’ammoscia, s’ammoscia

    s’ammoscia di giorno

    (ma la notte no!)

    Giorno mi tormenti cosi

    Giorno mi fai dir sempre si…

    ma la notte, ma la notte

    ma la notte, ma la notte

    ma la notte, ma la notte no!

    ma la notte, ma la notte

    ma la notte, ma la notte

    ma la notte, ma la notte no!

    ma la notte, ma la notte

    ma la notte, ma la notte

    ma la notte, ma la notte no!

    ma la notte, ma la notte

    ma la notte, ma la notte

    ma la notte, ma la notte no!

    ma la notte, ma la notte

    ma la notte, ma la notte

    ma la notte, ma la notte no!

    ma la notte, ma la notte no!

    Prisencolinensinainciusol di Adriano Celentano

    In de col men seivuan

    prisencolinensinainciusol ol rait

    Uis de seim cius men

    op de seim ol uat men

    in de colobos dai

    Trr…

    Ciak is e maind beghin de col

    bebi stei ye push yo oh

    Uis de seim cius men

    in de colobos dai

    Not is de seim laikiu

    de promisdin iu nau

    in trabol lovgiai ciu gen

    in do camo not cius no bai

    for lov so op op giast

    cam lau ue cam lov ai

    Oping tu stei laik cius

    go mo men

    iu bicos tue men cold

    dobrei gorls

    Oh sandei…

    (coro)

    Ai ai smai sesler

    eni els so co uil piso ai

    in de col men seivuan

    (coro)

    Prisencolinensinainciusol ol rait

    Uei ai sint no ai

    giv de sint laik de cius

    nobodi oh gud taim lev feis go

    Uis de seim et seim cius

    go no ben let de cius

    end kai for not de gai giast stei

    Ai ai smai senflecs

    eni go for doing peso ai

    In de col mein seivuan

    prisencolinensinainciusol ol rait

    lu nei si not sicidor

    ah es la bebi la dai big iour

    (coro)

    Ai ai smai senflecs

    eni go for doin peso ai

    In de col mein saivuan

    prisencolinensinainciusol ol rait

    lu nei si not sicodor

    ah es la bebi la dai big iour

    Le cose che abbiamo in comune di Daniele Silvestri

    Le cose che abbiamo in comune sono 4.850

    le conto da sempre, da quando mi hai detto

    “ma dai, pure tu sei degli anni ’60?”

    abbiamo due braccia, due mani ,due gambe, due piedi

    due orecchie ed un solo cervello

    soltanto lo sguardo non è proprio uguale

    perché il mio è normale, ma il tuo è troppo bello

    Le cose che abbiamo in comune

    sono facilissime da individuare

    ci piace la musica ad alto volume

    fin quanto lo stereo la può sopportare

    ci piace Daniele, Battisti, Lorenzo

    le urla di Prince, i Police

    mettiamo un CD prima di addormentarci

    e al nostro risveglio deve essere lì

    perché quando io dormo… tu dormi

    quando io parlo… tu parli

    quando io rido… tu ridi

    quando io piango… tu piangi

    quando io dormo… tu dormi

    quando io parlo… tu parli

    quando io rido… tu ridi

    quando io piango… tu ridi

    Le cose che abbiamo in comune

    sono così tante che quasi spaventa

    entrambi viviamo da più di vent’anni

    ed entrambi, comunque da meno di trenta

    ci piace mangiare, dormire, viaggiare, ballare

    sorridere e fare l’amore

    lo vedi, son tante le cose in comune

    che a farne un elenco ci voglio almeno tre ore… ma…

    Allora cos’è

    cosa ti serve ancora, a me è bastata un’ora…

    “Le cose che abbiamo in comune!”, ricordi

    sei tu che prima l’hai detto

    dicevi “ma guarda, lo stesso locale

    le stesse patate , lo stesso brachetto!”

    e ad ogni domanda una nuova conferma

    un identico ritmo di vino e risate

    e poi l’emozione di quel primo bacio

    le labbra precise, perfette, incollate

    Abbracciarti, studiare il tuo corpo

    vedere che in viso eri già tutta rossa

    e intanto scoprire stupito e commosso

    che avevi le mie stesse identiche ossa

    e allora ti chiedo, non è sufficiente?

    cos’altro ti serve per esserne certa

    con tutte le cose che abbiamo in comune

    l’unione fra noi non sarebbe perfetta?

    Quando io dormo… tu dormi

    quando io parlo… tu parli

    quando io rido… tu ridi

    quando io piango… tu piangi

    quando io dormo… tu dormi

    quando io parlo… tu parli

    quando io rido… tu ridi

    quando io piango… tu ridi… ma…

    Allora cos’è

    cosa ti serve ancora, a me è bastata un’ora…

    Le cose che abbiamo in comune sono 4.850

    le conto da sempre, da quando mi hai detto

    “ma dai, pure tu sei degli anni ’60?”

    abbiamo due braccia, due mani ,due gambe, due piedi

    due orecchie ed un solo cervello

    soltanto lo sguardo non è proprio uguale

    perché il mio è normale, ma il tuo, oh: è troppo bello!

    troppo bello!

    Quando io dormo… tu dormi

    quando io parlo… tu parli

    quando io rido… tu ridi

    e quando io piango… tu ridi…

    troppo bello!

    Banane e lampone di Gianni Morandi

    L’orologio batte l’una tu sei fuori chissa’ dove

    giro nudo per la strada

    dimmi tu se questa è vita

    tu che esci con le amiche “dici”

    io che resto qui a pensare “ora”

    se è poi vero per davvero

    o ti vedi con qualcuno

    guardo un po’ televisione

    c’è del pollo dentro al frigo

    mangio e provo a immaginare

    le tue mosse e le parole

    è che sono un po’ geloso “scemo”

    ma ti amo per davvero “vero”

    si va be’ l’autonomia ma ricorda che sei mia

    Banane lampone chi c’era con te

    “chi c’era stasera”

    Io sono il tuo amore, sei solo per me

    Apro un libro di avventure

    è una nuova distrazione

    poi vorrei telefonare,

    mi dovrei un po’ sfogare

    è che sono assai nervoso “nervoso”

    son le due e tu sei lontana “lontana”

    quasi quasi cado in piedi

    vado a casa di Marì

    Ho sentito l’ascensore

    gira chiave nel portone

    faccio finta di dormire

    e tu invece vuoi parlare

    sono stata a chiacchierare “ore”

    ogni tanto sai ci vuole “ci vuole”

    hanno tutte dei problemi

    per fortuna io ho te amore!

    Banane lampone chi c’era con te

    “chi c’era stasera”

    Io sono il tuo amore, sei solo per me

    Banane lampone chi c’era con te

    io sono il tuo amore sei solo per me

    Banane