Come affrontare gli imprevisti di nozze

da , il

    Come affrontare gli imprevisti di nozze

    L’anello che non entra, il testimone che non arriva, la sposa che inciampa rovinosamente sul velo. Sono tutte cose che potrebbero accadere nel giorno del sì e il solo pensiero riempie di ansia i futuri sposi.

    Ma in questi casi, farsi prendere dal panico serve a poco, piuttosto bisogna pensare a delle soluzioni su come affrontare gli imprevisti di nozze e poter vivere, in questo modo più serenamente, l’attesa del grande giorno. A questo ha pensato l’Agenzia Statunitense per la tutela della Salute Pubblica che ha stilato una serie di consigli per le future spose.

    1. Le preoccupazioni più grandi, in genere, riguardano la sposa e in modo particolare il suo vestito. La gonna potrebbe sfilarsi, cedere in qualche punto, strapparsi. Per qualsiasi evenienza portare con sé qualche spilla da balia potrebbe essere la soluzione giusta.

    2. La sposa vuole apparire al meglio nel suo giorno più bello, ma l’emozione potrebbe giocare brutti scherzi e qualche lacrimuccia rovinare ore e ore di sapiente make up. In questo caso affidare una piccola trousse per il trucco ad un’amica rappresenta il paracadute a cui aggrapparsi in caso di necessità.

    3. Se l’emozione e l’ansia superano la soglia ritenuta normale e rischiano di pregiudicare il buon esito della cerimonia, gli esperti dell’Agenzia Statunitense per la tutela della Salute Pubblica suggeriscono di assumere un blando tranquillante, ricordando che si tratta pur sempre di farmaci che necessitano della prescrizione medica e di cui non bisogna abusare.

    4. La sicurezza è qualcosa a cui prestare la massima attenzione, pertanto sarebbe consigliabile segnalare le uscite d’emergenza, sia per garantire la fuga degli sposi in caso di eventuali ripensamenti, che per mettere in salvo tutti nel caso succeda qualcosa.

    5. Infine, una bottiglietta d’acqua e una tavoletta di cioccolato in caso di mancamento si possono rivelare provvidenziali, pertanto affidarli ad un ospite di fiducia sarebbe la cosa migliore da fare.