Elton John a caccia di fondi per matrimoni gay

da , il

    Elton John a caccia di fondi per matrimoni gay

    Sir Elton John cambia idea sui matrimoni gay e inizia a raccogliere fondi a loro favore. Solo qualche anno fa il cantante britannico si era dichiarato contrario alla celebrazione dei matrimoni gay, ma evidentemente la recente esperienza della paternità gli avrà fatto cambiare idea.

    Così durante il recente concerto per la raccolta di fondi organizzato dalla American Foundation for Equal Rights il baronetto inglese ha affermato: ‘È ridicolo che io possa stare con il mio compagno per 17 anni, che abbiamo un figlio, ma che non possiamo sposarci‘. E a tutti coloro che si battono contro i matrimoni gay ha mandato un messaggio particolare: ‘Fuck you!‘.

    Proprio i detrattori delle nozze gay hanno incassato una pesante sconfitta negli Stati Uniti, la scorsa settimana. La Corte Suprema ha bocciato un ricorso presentato da alcuni attivisti ultra-conservatori contro una legge del Distretto di Columbia che permette i matrimoni tra persone dello stesso sesso, sancendo al contempo che il matrimonio gay è un diritto costituzionalmente garantito.

    Un giorno potrebbe essere così anche in Inghilterra, magari anche grazie al cantante e alla sua lotta a favore dei diritti degli omosessuali. Una cosa è certa, da quando è diventato padre, Elton John è un uomo nuovo. ‘Adoro il profumo dei pannolini. Non avevo mai pensato a me come padre – ha detto – è un progetto che ho avuto solo negli ultimi tempi e sono contento di averlo contemplato e portato a termine. Avere tra le braccia quella piccola anima è la cosa più bella che mi sia capitata dopo aver incontrato David e, sorprendentemente, avere un bebè per casa è anche rilassante, perché quel piccolo essere che non chiede altro che di essere cambiato, allattato e messo a letto è come una tela bianca. Tutto quello di cui ha bisogno – ha concluso Elton John – è amore e nutrimento‘.

    I matrimoni gay sono ormai una realtà consolidata in moltissimi Paesi in tutto il mondo: dalla Spagna, all’Olanda, dal Belgio fino al Canada, al Sudafrica, alla Norvegia, alla Svezia e di recente anche in Portogallo e nella piccola Islanda.