Il rito del matrimonio tra tradizioni e credenze

da , il

    Il rito del matrimonio tra tradizioni e credenze

    L’anno prossimo una delle mie migliori amiche ha annunciato di volersi sposare con il suo meraviglioso fidanzato. Credo immaginiate la gioia e l’entusiasmo perché noi, in tutto quattro amiche storiche, già abbiamo iniziato a volare con la fantasia a quel giorno che sarà per noi a dir poco emozionante e quindi ai preparativi, all’addio al nubilato, alla location.

    Peccato però che lei, la mia amica, non sa né in che mese, né in che giorno della settimana celebrare l’evento, non ha in mente alcuna idea. Allora ho pensato di scrivere questo articolo proprio pensando a lei e al suo futuro marito, a Sara e Marco. Iniziamo dalla base, cioè iniziamo ricordando che la scelta del giorno e del mese non può essere causale bensì dovrà rispettare alcuni rituali beneauguranti importantissimi. Naturalmente sono cose che vanno prese con le pinze ma se, come purtroppo nel mio caso, uno dei due nella coppia è superstizioso, allora, beh, non c’è scampo. Una leggenda indica che il lunedì arreca buona salute poiché è il giorno dedicato alla luna, pianeta e dea delle spose; il martedì porta ricchezza sicura (in barba al proverbio “né di venere né di marte ci si sposa né si parte); il mercoledì è un giorno particolarmente propizio; il giovedì non va bene perché arreca dispiaceri alla sposa; il venerdì porta addirittura disgrazia, oggigiorno sono pochissime le coppie che credono a queste superstizioni e scelgono un qualsiasi giorno per sposarsi.; il sabato è il giorno più gettonato per sposarsi, e per ragioni molto ovvie, e pensare che nella credenza popolare è invece considerato il giorno più sfortunato. Stabilito il giorno, passiamo al mese. Partiamo dal principio:

    Gennaio, per esempio, è considerato come il mese che porta affetto, gentilezza a fedeltà.

    Febbraio: il mese degli innamorati è anche il mese migliore per prendere la fatidica decisione;

    Marzo: sarà che è il mese più pazzo, quindi promette sia gioia che pene;

    Aprile invece promette fortunatamente soltanto gioie;

    Maggio: non va bene per nessun motivo. Il detto dice che”la sposa maiulina nun si godi la curtina” ovvero la sposa di maggio non si godrà a lungo il matrimonio;

    A Giugno gli sposi avranno la fortuna di viaggiare molto, forse per via della bella stagione, per terra e per mare tra le altre cose è anche il mese dedicato a Giunone, la dea protettrice dell’amore e delle nozze;

    Luglio, no, non va bene perchè annuncia fatiche e lavoro per guadagnarsi la vita;

    Mentre il mese di Agosto assicura che la vita sarà ricca di cambiamenti;

    Settembre è un periodo perfetto perché coprirà gli sposi di ricchezze e allegria;

    Ottobre non va bene, soprattutto di questi tempi, perché è vero che vuol dire molto amore, ma il denaro stenterà ad arrivare;

    Novembre è il mese dell’amore perché porta felicità;

    ed infine il gelo e la neve di Dicembre promette alla coppia amore eterno.