Location matrimoni da sogno: la Reggia di Caserta

da , il

    Location matrimoni da sogno: la Reggia di Caserta

    Quale sposa al mondo non desidererebbe fare il suo ingresso trionfale in una location d’eccezione come la Reggia di Caserta, magari a bordo di una carrozza trainata da bianchi cavalli, con tanto di nocchieri e automobile al seguito?

    Ebbene, c’è chi questo desiderio l’ha visto diventare realtà, nonostante l’accesso al parco della Reggia sia rigorosamente vietato a qualsiasi mezzo di locomozione privato, fatta eccezione per i disabili, i dipendenti, coloro che alloggiano nel complesso e naturalmente per le forze dell’ordine.

    Come avranno fatto, dunque, gli sposi più invidiati del momento ad espugnare in un fresco pomeriggio di inizio settembre una location matrimoni da sogno come la reggia di Caserta? Come avranno fatto ad ottenere il permesso per introdursi a bordo della carrozza, con fotografi a seguito? A queste e altre domande sta cercando di rispondere la soprintendente David, che raggiunta dai media, si è detta assolutamente ignara di quanto è accaduto.

    Per altro la Soprintendenza di Caserta vieta che siano scattate foto nuziali all’interno degli Appartamenti Storici della Reggia. Le foto possono essere, infatti, scattate solo all’aperto, all’interno del parco, ma che va raggiunto rigorosamente a piedi o con mezzi di trasporto interni alla Reggia come ad esempio biciclette o carrozzelle messe a disposizione per i turisti.

    Non è la prima volta, comunque, che simili episodi i verificano nel Palazzo del Vanvitelli. Due anni fa fu celebrato un matrimonio privato all’interno del Palazzo reale, più precisamente nella palazzina inglese della Reggia. La sposa Silvia Aprile, che nel 2009 ha duettato a Sanremo con Pino Daniele, è riuscita ad organizzare con un espediente il suo pranzo nuziale all’interno del Palazzo reale senza alcuna autorizzazione.

    E dire che la splendida Reggia fu negata come location dove celebrare un matrimonio persino ai discendenti dei Borbone che un tempo avevano visto figurare il Palazzo reale tra i beni di famiglia…