Luna di miele, come scegliere la destinazione

da , il

    Luna di miele, come scegliere la destinazione

    Il viaggio di nozze è un regalo che i novelli sposi si devono concedere di norma dopo il matrimonio, sarà un momento unico e irripetibile in cui lo sposo e la sposa potranno godersi a pieno il loro amore. Una vacanza pensata appositamente per due che solitamente si svolge in luoghi romantici e rilassanti, c’è anche qualcuno che invece preferisce l’avventura, in ogni caso deve essere fatta rigorosamente da soli e per almeno 15 giorni, lavoro permettendo. Prima di partire per questo viaggio meglio informarsi per non incorrere in sorprese che potrebbero precludere il romanticismo del viaggio.

    Il viaggio di nozze viene anche soprannominato Luna di Miele, questa definizione deriva dal nord Europa e si riferisce all’usanza di bere vino misto a miele durante il primo mese di nozze, da noi è stato ripreso anche perchè rappresenta in tutto e per tutto la dolcezza ed il romanticismo.

    Allora vediamo quali sono le informazioni che dovete richiedere e valutare prima di scegliere la destinazione per il vostro viaggio di nozze.

    Non è sempre necessario ovviamente uscire dai confini nazionali, potrete anche scegliere di recarvi in una città italiana, su un’isola o in campagna, l’importante è che prevediate dei lunghi momenti di pace per godervi la presenza del vostro neo sposo.

    Se si decide invece di oltrepassare i confini italiani, le cose più importanti da conoscere sono:

    - la situazione politica e sociale del paese in cui si vorrebbe andare;

    - la situazione climatica, magari è la stagione degli uragani e … non conviene;

    - la situazione igienico sanitaria, in molti paesi esotici bisognerà per esempio rivolgere una particolare attenzione dovrà essere riservata all’acqua, per il consumo della quale si consiglia l’acquisto di bottiglie confezionate. Ma è importante anche sapere se c’è bisogno di particolari vaccini da fare prima di partire;

    - la situazione sociale per capire quali sono le usanze della popolazione che si va a visitare per non rischiare di offendere o provocare in maniera invadente.

    In ogni caso l’ultimo consiglio che vi do per la programmazione del viaggio, è quello di non prevedere già degli itinerari impegnati, la calma e la tranquillità prima di tutto. Se poi avrete voglia di avventure, sicuramente sul posto avrete qualcuno a cui rivolgervi, ma meglio conservare del tempo per la propria intimità lontano dalla vita di tutti i giorni.