Matrimoni bianchi: la mancanza di desiderio causa il 20% delle separazioni

da , il

    Matrimoni bianchi: la mancanza di desiderio causa il 20% delle separazioni

    La mancanza, assoluta o relativa, di attività sessuale nella vita di coppia sia dall’inizio del matrimonio che dopo i primi sette anni causa il 20% delle separazioni in Italia. Lo dicono uno studio del Censis, della Societa’ Italiana di Andrologia e una ricerca dei sessuologi americani e lo conferma Gian Ettore Gassani, presidente nazionale dell’associazione Avvocati Matrimonialisti Italiani.

    E sapete qual è la cosa più curiosa? L’attività sessuale degli italiani non è diminuita affatto, ma è diminuita proprio all’interno della coppia fino a determinare i cosiddetti matrimoni bianchi. Il matrimonio è la tomba del sesso? A sentire questi studi sembrerebbe proprio di sì.

    Secondo i matrimonialisti, inoltre, la causa sarebbe nel 70% dei casi imputabile agli uomini, sempre pronti a trovare scuse per rifiutare o non promuovere rapporti sessuali con la moglie. Ma risultano molto numerosi anche i casi di tradimento da parte delle mogli, appagate sessualmente al di fuori del matrimonio.

    Gassani, oltre ad affermare che questo fenomeno riguarda soprattutto i novelli sposi, punta il dito anche contro Facebook e gli altri social network e in generale contro i nuovi sistemi di comunicazione che stanno rendendo soprattutto i mariti italiani soggetti da divano in casa e mandrilli fuori. In effetti sono molte le ricerche che affermano questo. Secondo l’American Academy of Matrimonial Lawyer Facebook è la causa dell’81% delle separazioni.

    Per Gassani, dunque, la mancanza di attività sessuale porta molto spesso a una crisi irreversibile sfociando nel divorzio, in richieste di risarcimento danni e addirittura annullamento del matrimonio in sede ecclesiastica. Insomma, se il matriomnio è in crisi la cura sembra proprio essere sotto le lenzuola.