Matrimoni di convenienza: in Italia sono poco diffusi

da , il

    Matrimoni di convenienza: in Italia sono poco diffusi

    I matrimoni misti in Italia sono più che triplicati in 10 anni e già questo dato basta a far temere che possa trattarsi di matrimoni di convenienza, volti cioè ad acquisire la cittadinanza italiana o altri vantaggi come la pensione di reversibilità.

    Ma in Italia i matrimoni di convenienza sono poco diffusi e quelli celebrati tra un cittadino italiano e uno straniero sembrerebbero essere a tutti gli effetti unioni d’amore. A dichiararlo è l’Emn, la Rete europea delle migrazioni che sottolinea in uno studio come in Italia i casi siano pochi e spesso in mano alla criminalità organizzata.

    Quello dei matrimoni misti è un fenomeno crescente, che rispecchia in pieno i cambiamenti sociali delle famiglie ed è molto innovativo - dichiara Antonio Ricci, membro della Rete europea delle migrazioni - La chiusura è spesso la reazione del nostro Paese. Si vede subito il culmine quando si ingigantiscono i pochi casi scoperti di abuso ed emerge il sospetto, mentre servirebbe più serenità. Bisogna essere più obiettivi‘.

    Lo studio Emn riporta alcuni dati Inps relativi alla spesa annua per le pensioni di reversibilità, nel 2010 l’importo complessivo in migliaia di euro ammonta a 37.902.518, di cui 495.872 pagati a titolari di sesso femminile e di cittadinanza straniera. Per l’anno 2010, i titolari di pensione ai superstiti di sesso femminile e di nazionalità straniera sono stati 166.054.

    Non esistono ad oggi dati precisi sui matrimoni di convenienza in Italia, ma questi sono comunque pochi. Le vittime non sempre sono italiane, ma anche straniere costrette a sborsare cifre esorbitanti per ottenere il permesso di soggiorno. Quello dei matrimoni di convenienza è un mercato lucroso e relativamente sicuro, in quanto dimostrare che il matrimonio sia realmente di convenienza è molto difficile e a volte passano anche anni.