Matrimoni gay in chiesa: la Danimarca ha detto sì

da , il

    Matrimoni gay in chiesa: la Danimarca ha detto sì

    Mentre i matrimoni gay in Italia non sono contemplati neanche dal nostro ordinamento civile, altrove si arriva a parlare addirittura di matrimoni gay in chiesa. E’ il caso della Danimarca, dove presto gli omosessuali potranno sposarsi anche all’interno della chiesa evangelica luterana di Stato, esattamente come gli eterosessuali.

    Ad annunciarlo il Ministero della Chiesa e dell’Uguaglianza che ora dovrà sottoporre una proposta di legge in tal senso al Parlamento. ‘Il governo ha deciso che gli omosessuali debbano poter celebrare il matrimonio come tutti gli altri e che possano essere definiti sposi’, si legge in una nota del su citato Ministero.

    Tutti i membri della Chiesa nazionale danese devono avere la possibilità di essere sposati in Chiesa senza tener conto del loro orientamento sessuale‘ prosegue, poi, la nota. Tanto che si parla della possibilità che il primo matrimonio gay in chiesa possa essere celebrato già a partire dalla prossima estate. Tale previsione nasce dal calcolo dei tempi necessari per il voto del provvedimento e la conseguente applicazione della legge, tempi che sono stimati approssimativamente in sei mesi.

    Ricordiamo che la Danimarca è il primo paese al mondo ad aver autorizzato le unioni civili fra omosessuali nel 1989 e che la Chiesa evangelica luterana, in Danimarca, dà la sua benedizione alle unioni civili degli omosessuali già dal 1997, ma non celebra nozze né inserisce le coppie nei registri parrocchiali.

    Un prete potrà anche rifiutarsi di celebrare un matrimonio omosessuale, ma sarà un altro a farlo al suo posto‘, ha spiegato, inoltre, Aagaard Petersen, giornalista dell’organo ufficiale della Chiesa protestante locale. In Danimarca più dell’80% della popolazione appartiene alla Chiesa luterana di Stato.