Matrimoni più lenti e divorzi più veloci

da , il

    Matrimoni più lenti e divorzi più veloci

    Convolare a nozze? E’ una scelta che viene lungamente meditata prima di essere presa. Soprattutto dalle donne, ma se quando si tratta di matrimonio ci si pensa bene, quando si tratta di divorzio non ci si fa assalire da molti dubbi e lo si fa più in fretta di quanto forse sarebbe opportuno fare.

    E’ quanto emerge da uno studio condotto dal Census Bureau statunitense circa l’andamento di matrimoni e divorzi nel 2009. Le donne sarebbero più lente nel decidere di sposarsi e più veloci a divorziare, almeno rispetto a quanto facevano le nostre madri.

    Se nel 1950 l’età media da matrimonio per una donna era di 20 anni, ora a 26 anni forse non si è ancora ‘pronte‘. Ma il dato più sconcertante è che trascorsi 5 anni, dalle nozze, si decide per il divorzio. Fortunatamente non riguarda tutte le coppie, ma una buona percentuale. C’è poi chi aggiunge ancora una tappa importante: le seconde nozze entro 4 anni dalla fine del primo matrimonio.

    Leggendo i dati è possibile farsi un’idea di quale sia la vita coniugale moderna: il periodo di massima attività per le donne è quello compreso tra i 26 e i 40 anni in cui ci si arriva a sposare e separare e addirittura a pianificare un secondo matrimonio.

    Il secondo matrimonio si rivela un’esperienza molto diversa dalla prima, almeno dal punto di vista dell’organizzazione: il fatto di essere più grandi, avere già un’esperienza fallimentare alle spalle, magari la presenza di figli fanno in genere optare per una festa più sobria. Ma mantenere un basso profilo nei festeggiamenti non è garanzia di stabilità per il nuovo matrimonio, che in molti casi finisce per naufragare un’altra volta.

    Perché succede tutto ciò? Maggiore libertà? Emancipazione dei costumi? o più semplicemente si tratta della tendenza diffusa ad essere superficiali anche quando si tratta di decisioni importanti per il nostro futuro?