Matrimonio a Parigi, come organizzarlo? [FOTO]

da , il

    L’idea di un matrimonio a Parigi è sempre così romantica che molti sposi si fanno tentare da questa prospettiva e dunque sempre più spesso cercano suggerimenti burocratici e non su come spostare l’intera cerimonia all’estero e coronare il sogno di una foto in abiti da sposi all’ombra della Tour Eiffel. Abbiamo cercato per voi i suggerimenti più importanti per cercare di realizzare questo ambizioso progetto matrimoniale e, in alternativa, vi daremo anche dei consigli su come ricreare un’atmosfera parigina direttamente a casa, in Italia.

    Sposarsi a Parigi

    Prima che iniziate a fantasticare sul pranzo di nozze in un locale di Montmartre è bene sapere che il matrimonio a Parigi o in qualsiasi altro comune francese è fattibile solo se uno dei due componenti della coppia ha domicilio nella città da più di un mese, se così non fosse è meglio che pensiate a Parigi come possibile meta per un viaggio di nozze. Se invece avete la fortuna che uno dei due sia domiciliato in questa romantica città potrete procedere con tutte le procedure burocratiche necessarie, informazioni che troverete puntualmente sia sul sito del Consolato Italiano a Parigi, sia rivolgendovi di persona all’ufficio stesso. Dovrete compilare alcuni documenti e allegarne altri e dopo qualche mese avrete la vostra autorizzazione a sposarvi. Tenete sempre presente che un matrimonio all’estero, se si hanno molti invitati, comporta sempre delle problematiche aggiuntive: lo spostamento e l’alloggio degli ospiti, ad esempio non è da sottovalutare! Diciamo che in linea di massima organizzare un matrimonio all’estero, per quanto romantico, può rivelarsi davvero costoso.

    Matrimonio a tema parigino

    Molto più semplice e pratico, se Parigi è la vostra passione, è ricreare l’atmosfera della città come tema del vostro matrimonio. Come, vi starete chiedendo? Prima di tutto decidete se c’è un periodo storico di Parigi che vi affascina particolarmente, potreste usarlo come fil rouge per la realizzazione degli allestimenti e magari anche per offrire uno spunto di dress code per tutti gli invitati. Affascinante, ad esempio, la Parigi di Baudelaire e dei poeti maledetti, fautori del cosiddetto decadentismo: questi si aggiravano notte e giorno per il quartiere di Montmartre, voi potreste ricrearne l’atmosfera creando degli allestimenti appositi con scenografie all’interno del ristorante, delle grosse stampe con fotografie d’epoca della città, tele dipinte a mano, libri, penne e calamai posti qua e là all’interno della sala, candele ad illuminare lo spazio e magari tavolate rustiche con legno, posate e tovaglie semplicissime, come se vi trovaste in una delle osterie parigine dell’epoca. Anche la musica di sottofondo, comprese la canzoni romantiche da dedicare alla sposa, dovrà richiamare quel periodo e allora potreste cercare dei musicisti di strada che con violini e chitarre allietino il vostro pranzo speciale a tema Parigi.